Contenuto sponsorizzato

Un gruppo di studenti scende in piazza contro il governo: ''La pacchia è finita lo diciamo noi''

Tra i temi anche l'uccisione del militante sindacale Soumalia Sacko a Gioia Tauro in Calabria. "Non dimentichiamo, non perdoniamo contro Salvini e la sua polizia, contro razzismo e sfruttamento, scendiamo in strada" tra gli slogan

Foto de L'Universitario
Pubblicato il - 15 giugno 2018 - 20:40

TRENTO. Manifestazione a Trento alle 18 in via Verdi tra le Facoltà di sociologia e giurisprudenza. Un'iniziativa, ovviamente pacifica, di un gruppo di studenti per protestare contro le politiche sull'accoglienza dei migranti del governo Lega-Movimento 5 stelle. Nel mirino soprattutto il neo ministro dell'Interno.

 

Tra i temi anche l'uccisione del militante sindacale Soumalia Sacko a Gioia Tauro in Calabria. "Non dimentichiamo, non perdoniamo contro Salvini e la sua polizia, contro razzismo e sfruttamento, scendiamo in strada" tra gli slogan.

 

Gli studenti hanno inoltre distribuito un volantino ai passanti intitolato "La pacchia è finita lo diciamo noi".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato