Contenuto sponsorizzato

Valle di Cembra, sequestrato spumante doc per 1,5 milioni di euro ad una azienda vitivinicola

Nell'operazione della guardia di finanza di Trento sequestrati circa 150 mila litri di spumante. Sono 8 le persone indagate per bancarotta fraudolenta e avrebbero tentato di far uscire in modo illecito il prodotto per pagare i creditori dell'azienda (qui gli aggiornamenti)

Di gf - 09 marzo 2018 - 10:06

TRENTO. Hanno tentato di far uscire in modo illecito dall'azienda grande quantità di spumante dall'elevato valore commerciale. Un piano che è stato scoperto e fermato grazie al lavoro del Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Trento che ha sequestrato circa 150mila litri di pregiato spumante Doc, per un valore, alla produzione, di oltre 1,5 milioni di euro, prodotti da una nota casa vitivinicola trentina in Valle di Cembra in fallimento dalla fine del 2017. 

 

Le indagini, portate avanti dalla Procura della Repubblica hanno fatto emergere il piano dei titolari dell’azienda indagati per bancarotta fraudolenta. 

L’azienda è sotto procedura fallimentare ed è attualmente gestita da un curatore nominato dal Tribunale di Trento. 

 

Secondo quando rilevato dalla guardia di finanza, la vendita delle giacenze di magazzino del pregiato spumante sarebbe servita, una volta messa regolarmente in commercio, per soddisfare i creditori dell’azienda in bancarotta, tutelati dal curatore stesso. Per evitare ciò, gli ex titolari dell’azienda, in prossimità della dichiarazione di fallimento, hanno creato una società con la quale avevano stipulato un finto contratto di affitto di azienda. 

 

In forza di tale contratto, gli indagati avevano iniziato ad asportare, dai locali aziendali, gran parte del prezioso vino spumante Doc ancora giacente all’atto del fallimento. La guardia di finanza, però, grazie all’esame dei documenti di magazzino e ai controlli delle pattuglie su strada sul movimento delle merci, ha approfondito le investigazioni e ha segnalato la circostanza alla Procura, ottenendo dal Giudice delle Indagini Preliminari presso il Tribunale di Trento un decreto di sequestro preventivo di tutte le giacenze di magazzino sottratte. 

 

In questo modo, a tutela dei creditori dell’azienda fallita, sono state sequestrate 200mila bottiglie di spumante Doc, del valore commerciale di oltre un milione e mezzo di euro, la gran parte delle quali ancora classificate come “vino base”, in fase di “affinamento”, che verranno successivamente rimesse nella disponibilità del Curatore fallimentare dell’azienda vinicola. 

 

Per questa vicenda, sono indagate otto persone per bancarotta fraudolenta; le indagini proseguono per stabilire se le operazioni di sottrazione dei beni all’attivo patrimoniale dell’azienda siano state ideate solo dai soggetti falliti o con il concorso di professionisti del settore. 

 

Il delitto di bancarotta fraudolenta punisce con la reclusione fino a dieci anni l’imprenditore dichiarato fallito che abbia compiuto uno o più atti per nascondere, distruggere o vendere senza autorizzazione, in tutto o in parte, i beni dell’azienda fallita, per diminuire il valore del patrimonio che serve per soddisfare i creditori. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 aprile - 16:50
Sono stati analizzati 2.123 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 28 casi tra over 60 e 11 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare, ci [...]
Cronaca
20 aprile - 15:50
A Bolzano si attende il prossimo 26 aprile per le riaperture dei locali, ma anche negli spazi interni. Kompastcher: "L'approccio deve essere [...]
Cronaca
20 aprile - 13:31
Nel mirino anche l'ultima delibera della Pat per le aperture all'esterno: "La Giunta ha dato un contentino ridicolo: le temperature nelle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato