Contenuto sponsorizzato

Viaggiava in treno da Monaco a Verona, dentro l'addome trasportava ovoli per 1,4 kg di droga

Il cittadino nigeriano di 46 anni, regolarmente residente nella provincia di Mantova, è stato arrestato. Dopo ave visto gli agenti ha iniziato a sudare copiosamente mostrando anche difficoltà nel deambulare. In ospedale  ha espulso numerosi involucri contenenti cocaina ed eroina

Pubblicato il - 18 ottobre 2018 - 10:03

BOLZANO. Si trovava in treno diretto a Verona Porta Nuova. Un viaggio deciso per trasportare della droga. Tutto stava andando liscio fino a quando, però, alla stazione ferroviaria di Brennero sull'EC 89 sono saliti le forze dell'ordine per effettuare dei controlli sui flussi migratori nella fascia di frontiera.

 

L’attenzione degli agenti è stata attirata da un viaggiatore, un cittadino nigeriano di 46 anni, regolarmente residente nella provincia di Mantova, che alla vista degli agenti, nonostante fosse in possesso di documenti idonei all’ingresso nel territorio nazionale, è apparso particolarmente nervoso ed ha cercato di eluderli.

 

L'uomo, accompagnato in ufficio, ha iniziato a sudare copiosamente mostrando anche difficoltà nel deambulare. E' stato quindi accompagnato l'ospedale di Vipiteno, dove il personale medico lo ha sottoposto ad accertamenti clinici, dai quali è emerso che occultava all’interno del proprio addome numerosi involucri contenenti con molta probabilità, sostanza stupefacente.

 

Al termine delle procedure mediche, il 46enne ha espulso ovuli per un peso complessivo di 1 chilo e 400 grammi circa di droga, presumibilmente cocaina ed eroina grezze ancora da tagliare. Terminati gli atti di rito, il cittadino nigeriano è stato tratto in arresto per detenzione e traffico di sostanze stupefacenti, successivamente tradotto presso la casa Circondariale di Bolzano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato