Contenuto sponsorizzato

Volatili da richiamo, l'allarme Lipu: ''Il Trentino preso di mira da bracconieri da tutta Italia. Stop a questa pratica''

Sono un centinaio ad oggi i tordi bottacci in cura, sequestrati e consegnati alla Lipu del Trentino

Pubblicato il - 27 maggio 2018 - 13:48

TRENTO. Tolti dai nidi appena nati e, se riescono a vivere, rinchiusi in gabbia per essere utilizzati come richiamo. E' in aumento, soprattutto in Trentino, il bracconaggio che riguarda i volatili da richiamo per la caccia. A denunciarlo è la Lipu e la conferma arriva anche dalle operazioni portate avanti sul nostro territorio da Carabinieri.

 

L'ultima quella di qualche giorno fa nella quale i carabinieri della stazione di Mezzolombardo, hanno fermato tre persone provenienti dalla Romagna in possesso di un'ottantina di esemplari di tordo bottaccio. Quest'ultima è la specie maggiormente presa di mira e che si trova facilmente nella campagne trentine.


“Come ogni primavera – spiega in una nota la Lipu - ci troviamo ad affrontare i sequestri di tordo bottaccio che viene utilizzato come richiamo vivo per la caccia: tenuto in gabbia e al buio per tutto l’anno, vede la luce del sole solo a settembre con l’inizio della stagione venatoria e, convinto che sia primavera, canta attirando altri uccelli che vengono uccisi a fucilate”

 

La legge prevede la possibilità per ogni cacciatore di tenere un massimo di 40 volatili da richiamo che devono però provenire dall'allevamento e con tanto di anello alla zampa. A questo però, si affianca un incredibile giro di bracconaggio che vede il Trentino e in particolare la Val di Non come fulcro centrale. Nel corso degli anni, bracconieri da tutta Italia a maggio passano a setaccio i meleti, luogo prediletto dal tordo per nidificare, per individuare nidi con i piccoli.

 

“Spesso – viene spiegato dai rappresentanti trentini della Lega italia protezione uccelli - una volta rubati, verranno fatti passare per animali cresciuti legalmente in un allevamento e, dopo essere stati inanellati, passeranno tutta la loro vita in una piccolissima gabbia”.

 

Purtroppo, pero, spesso i piccoli tordi vengono tolti dal nido appena nati e non sempre riescono a sopravvivere. Presso il centro di recupero animali, ci sono al momento più di 100 tordi bottacci in cura, sequestrati e consegnati alla Lipu del Trentino.


“Questo traffico illegale – ha affermato la Lipu - può essere fermato solo con la chiusura della caccia con richiami vivi. E' l'unico modo per fermare questa barbara pratica”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
31 luglio - 06:01
Fra lockdown, restrizioni e perdite altissime i lavoratori dello spettacolo sono stati fra i più danneggiati dalla pandemia: “Viviamo nella [...]
Montagna
30 luglio - 16:53
A seguire l'esempio dei due rifugi sul Presena saranno presto anche Passo Paradiso e Malga Valbiolo. Il direttore del consorzio Pontedilegno - [...]
Cronaca
31 luglio - 08:42
L'omicidio è avvenuto martedì notte in un appartamento in centro a Brunico. Il movente rimane ancora sconosciuto, nelle scorse ore i risultati [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato