Contenuto sponsorizzato

A Trento apre ''Midi - Mangiare Naturale'', dalla colazione alla cena con prodotti di qualità

Il nuovo locale è stato aperto in via Bonporto 2 a Trento. Accanto alla classica linea self-service è stato  introdotto un sistema importato dall’estero che sembra funzionare bene anche da noi: si può prendere tutto quello che attira, in quantità libere, pagando in unica soluzione a peso

Pubblicato il - 11 gennaio 2019 - 11:12

TRENTO. Colazione, pranzo e cena con prodotti naturali di qualità e con modalità nuove. Ha aperto a Trento “Midi – Mangiare Naturale”. Un nuovo luogo da scoprire, in via Bomporto 2, dall'azienda Riccardo Mosna Catering Service.

 

Una che ha alle spalle quasi 2 anni di attività e già collezionato numerose comparse in eventi degni di nota, ultimo il gran ballo di Capodanno svoltosi presso il Casinò di Arco per conto dell’Associazione Maffei. Già fondatore di Agata, l'associazione per il Gelato Artigianale Trentino Autentico, Riccardo ha infine deciso di mettere radici in via Bomporto aprendo questa nuova realtà.

 

 

Riccando, prima il catering poi Midi perché?

Per passione. Dopo un lungo girovagare nel settore ristorativo, ho raccolto le esperienze fatte e deciso di investire sull’unico lavoro che mi avesse davvero appassionato, il mondo dei banchetti e dei catering. Ad oggi serviamo Aziende, Enti pubblici come l’Università e Fbk, oltre che privati come futuri sposi o feste di battesimo. Midi è arrivato quale approdo naturale, in risposta alla rapida crescita sostenuta nel 2018, primo vero anno di lavoro.

 

Perché “mangiare naturale”?

Perché ci credo. Ho collaborato anni con le grandi industrie del semilavorato. Ho speso molto tempo a studiare le etichette ed è incredibile la quantità di aromi e conservanti che troviamo nel nostro cibo. Proprio perché contenuti nei semilavorati, utilizzati anche dalle realtà artigianali, mi sono deciso a riavvicinarmi al cibo “al naturale” ed ho infine deciso di proporlo ai miei clienti. Anche per questo ho scelto di puntare sui piccoli produttori. Il cuore e la passione che mettono nel fare quello che fanno, lo vogliamo trasmettere anche noi nei nostri piatti.

 

Com’è organizzato il pranzo a Midi? Quanto costa?

Per pranzo offriamo un menù diverso ogni settimana composto da quattro primi, quattro secondi, quattro contorni ed un gran buffet di antipasti. Abbiamo scelto di preferire sempre il piccolo produttore, perciò ci appoggiamo, tra gli altri, ai Dallapiazza di Garniga per formaggi e yogurt, a Belli e Cainelli di Sopramonte per salumi e carni. In aggiunta ad una classica linea self-service abbiamo introdotto un sistema importato dall’estero che sembra funzionare bene anche da noi: si può prendere tutto quello che attira, in quantità libere, pagando in unica soluzione a peso. Ad esempio, è possibile comporre autonomamente un bel piatto misto di verdure e saporiti antipasti, chiedere solo un assaggio di primo o secondo ed andare a spendere 6/7€. Poi ci sono anche primi e secondi in modalità “classica” che costano dai 6€ ai 12€ a seconda della scelta.

Cosa proponete per colazione?

Tutti i giorni, a partire dalle 9:00 proponiamo muffins, biscottoni, torte, dolci fatti in casa e molto altro. Abbiamo inoltre da poco lanciato il nostro brunch, la colazione-pranzo anche salata, che puntiamo ad avere tutti i giorni à la carte oltre che ovviamente il sabato e su cui contiamo di raccogliere presto feedback dai nostri clienti.

 

Raccontaci il vostro aperitivo.

All’aperitivo abbiamo dedicato tanto spazio. Innanzi tutto ad ogni ordinazione segue un tagliere di tapas create da noi, incluse nel prezzo. In secondo luogo, abbiamo creato da zero tutti i cocktail e gli aperitivi, alcolici e non, puntando anche qui sul prodotto locale. Lavoriamo bene con l’Antica Erboristeria Cappelletti di Aldeno, ed è assieme a loro che abbiamo sviluppato il nostro aperitivo di punta: il 1906. Fra gli altri aperitivi il Dolomiti (con succo di mela della val di Non e estratto di zenzero prodotto in casa) ed il San Marco, dolce come piace a Venezia, con Aperitivo Valentini ed estratto di agrumi.

 

E a cena?

Stiamo organizzando delle cene a tema, inizialmente previste per il sabato sera, saranno servite al tavolo e proposte su prenotazione. Il senso è quello di offrire occasioni particolari per sperimentare una cucina di alta qualità, attenta alla provenienza ed alla composizione degli alimenti e ad evitare al massimo gli sprechi, senza quindi diminuire l’impegno e la concentrazione che i banchetti dei nostri clienti richiedono.

 

Prima accennavi del tuo desiderio di vedere Midi anche come spazio aperto.

All’interno abbiamo circa 35 posti a sedere, una bella selezione di tè e tisane, il WI-FI gratis, l’abbonamento a Internazionale ed a breve ospiteremo anche mostre temporanee sulle nostre pareti per rifarsi gli occhi in attesa di un amico o un'amica. Offriamo il nostro spazio al professionista che lavora a pc, allo studente che deve studiare o scrivere la tesi, oppure a chi ha quella mezz’ora libera e vuole rilassarsi e leggere un bel libro. Inoltre, vogliamo puntare sugli eventi culturali, perché anche il cibo è cultura e la cultura è meglio apprezzata se accompagnata da un buon bicchiere e del buon cibo. Il primo artista ospitato è stato Francesco Camin, con la sua musica abbiamo inaugurato un ciclo di live acustici che senz’altro proseguirà, questo mese invece abbiamo ascoltato le rime del poeta Adriano Cataldo che ha lanciato “la cultura paga”, il nostro ciclo di letture ad alta voce. Partecipare a questi eventi sorseggiando un bel tè caldo o un bicchiere di vino sono cose che fanno stare bene, che è poi lo scopo ultimo della nostra attività.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 12:59

La percentuale italiana: 16,78%, in linea con la tornata elettorale precedente. Maggiore affluenza ai seggi a Rovereto e a Riva del Garda che a Trento

26 maggio - 11:15

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Villazzano, i permanenti con il funzionario di turno e la polizia scientifica. E' la terza volta che accade da gennaio 

26 maggio - 08:51

L'uomo, un 36enne, è stato condannato a quattro mesi (pena sospesa) e con una multa di mille euro 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato