Contenuto sponsorizzato

Aggredita e violentata a 15 anni a Bolzano, lo stupro non è mai avvenuto: la ragazza ha inventato tutto

La ragazza, una quindicenne, aveva accusato dell’aggressione due stranieri ma stamane è arrivata la rivelazione shock. La procura: “Si era inventata tutto per attirare l’attenzione del ragazzo”

Pubblicato il - 02 luglio 2019 - 13:36

BOLZANO. Incredibile svolta nelle indagini sullo stupro di Bolzano, la ragazza si sarebbe inventata tutto. Lo scorso 6 maggio una quindicenne di Bolzano aveva denunciato di essere stata violentata da due stranieri, il caso aveva suscitato molto clamore provocando le reazioni del mondo della politica.

 

Secondo quanto riportato dalla giovane l’aggressione si sarebbe verificata tra lo stadio Druso e il Ponte Giallo sul Talvera, in un primo momento vennero fermate e poi rilasciate anche due persone.

 

Le forze dell’ordine si attivarono immediatamente per rintracciare i colpevoli, si tennero anche alcune manifestazioni per stigmatizzare l’evento.

 

In un certo senso si può finalmente tirare un respiro di sollievo dal momento che l’odioso crimine in realtà non si è mai verificato.

 

Secondo quanto riportato da fonti interne alla magistratura la ragazza avrebbe ammesso di essersi inventata tutto con l’obbiettivo di attirare l’attenzione del proprio ragazzo, a conferma delle parole della giovane ci sarebbero anche gli elementi acquisiti in fase di indagine e gli accertamenti tecnici svolti dalla scientifica.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 11:03

Dopo l'uscita piuttosto pesante del presidente della Lega trentina sull'Svp che si allea a Bolzano con il centrosinistra, il consigliere provinciale di Alto Adige Autonomia Carlo Vettori ha consegnato in Consiglio regionale un'interrogazione, beccandosi gli insulti di Alessandro Savoi. "Finché fa il giullare in Consiglio provinciale a Trento non c'è problema, ma non si metta il becco nelle questioni altoatesine"

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato