Contenuto sponsorizzato

Ancora nessuna traccia di Paolo Tramontini scomparso al confine fra Veneto e Trentino. Continuano le ricerche del soccorso alpino

Dell’uomo non si hanno più notizie da martedì scorso, quando si era allontanato per una passeggiata nella zona della Valsugana. Nuovo appello del soccorso alpino: “Aiutateci, ogni segnalazione può essere utile”

Pubblicato il - 07 dicembre 2019 - 10:39

TRENTO. Quest’oggi si alzeranno nuovamente in volo i droni che saranno utilizzati per setacciare i canali verticali che, numerosi, tagliano i versanti delle montagne Non si fermano dunque le ricerche di Paolo Tramontini, 67enne di Mestre (Ve) che dallo scorso martedì risulta irreperibile dopo essersi allontanato da casa per una passeggiata nella zona della Valsugana, al confine fra Veneto e Trentino.

 

Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa, vigili del fuoco, protezione civile, carabinieri forestali e carabinieri, questa mattina sono tornati in zona per riprendere le ricerche dell’uomo: una trentina di persone si è distribuita lungo i sentieri del Monte Grappa e verso l'Altopiano.

 

 

Le difficoltà maggiori derivano dal fatto che l'escursionista non ha lasciato detto a nessuno quale sentiero avrebbe percorso, né la destinazione, proprio per questo i soccorritori stanno cercando indizi per delimitare l’area delle ricerche, anche se in tal senso non sono emersi particolari elementi.

 

Nei giorni scorsi le ricerche si sono concentrate sopra Rivalta da dove era arrivata una segnalazione giudicata attendibile, da parte di un testimone che avrebbe incrociato Tramontini intorno alle 9 di mattina.   

 

Fissato il campo base a Valstagna, dopo aver prelevato campioni di vestiario dalla sua abitazione, sono stati fatti lavorare 4 cani molecolari del corpo nazionale soccorso alpino e speleologico verso due sentieri che da Rivalta portano sul massiccio del Grappa.

 

Alcune squadre nel frattempo hanno quindi iniziato a percorrerli dal basso, mentre altre due sono state trasportate in quota dall'elicottero di Treviso emergenza per perlustrarli dall'alto verso valle.

 

Sul versante dell'Altopiano di Asiago, i soccorritori si sono mossi sui due sentieri della Valgadena e una squadra della Protezione civile ha visionato un tratto dell'Alta via del tabacco. È stato inoltre verificato un itinerario indicato dalla moglie come possibile futura meta del marito.

 

Sul posto hanno anche volato i droni del Soccorso alpino e dei Vigili del fuoco. In totale sono state impiegate una cinquantina di persone, purtroppo senza risultati. Il soccorso alpino comunque non intende mollare e tramite la pagine Facebook ha ribadito il messaggio: “Stiamo cercando Paolo, aiutateci alla massima diffusione dell'appello”.

 

Tramontini era partito in treno da Mestre lo scorso martedì 3 novembre per raggiungere la zona della Valsugana e fare una camminata. L’uomo è alto un metro e 70 circa, di corporatura robusta, calvo, con barba grigia medio lunga. Indossa giacca e pantaloni tecnici neri e ha uno zaino verde marca Ospery. Chiunque lo avesse incontrato in treno, per strada o lungo i sentieri è pregato di contattare i carabinieri.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato