Contenuto sponsorizzato

Arrivano i defibrillatori pubblici: saranno disponibili nei dieci punti più frequentati della città

Sono stati installati in dieci punti strategici della città i defibrillatori pubblici, utilizzabili da chiunque sia abilitato a maneggiarli. In caso d'emergenza, dunque, anche i cittadini di Trento potranno accelerare il soccorso in attesa dell'arrivo dei medici

Di Davide Leveghi - 20 agosto 2019 - 17:36

TRENTO. Sono stati installati i defibrillatori pubblici in dieci luoghi strategici del capoluogo: piazza Dante, piazza Cesare Battisti, via Galilei, piazza Lodron, piazza Duomo, piazza Vittoria, piazza Fiera, piazza Santa Maria Maggiore, via Madruzzo e via Santa Croce. Trento accoglie, pertanto, dopo due anni di attesa, uno strumento per rendere più sicure le proprie strade.

 

Progetto finanziato da Itas Assicurazioni con un contributo di 25 mila euro (qui l'articolo) e voluto fortemente dall'assessore comunale allo sport Tiziano Uez, su consiglio del primario di cardiologia dell'ospedale Santa Chiara di Trento Roberto Bonmassari, l'installazione dei defibrillatori permetterà di ridurre i rischi di intervento in caso di emergenza, accelerando i tempi di soccorso in attesa dei medici.

 

L'utilizzo sarà a disposizione di tutti coloro, infermieri, volontari o semplici abilitati, che sono in grado di maneggiarli, funzionando a libero sgancio. I punti scelti per l'installazione corrispondono ai luoghi più frequentati della città.

 

L'importanza di questo intervento sulla città prescinde dai logici timori che qualche incivile ne possa fare uso improprio o danneggiarli. Non ancora chiare le ragioni del ritardo, ad ogni modo finalmente anche a Trento in caso d'emergenza vi saranno i defibrillatori a disposizione

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 febbraio - 20:03

I carabinieri di Bolzano hanno trovato alcune dosi di cocaina nella quali sono state rilevate altissime percentuali di levamisolo, altrimenti noto per essere un vermicida che, mischiato alla cocaina in pastiglie tritate, viene fatto passare come “droga di più alta qualità”

22 febbraio - 00:02

Un uomo di 77 anni è morto questa sera a Monselice dove era ricoverato dopo essere risultato positivo al test per il coronavirus. 

21 febbraio - 18:59

E' successo nel bellunese sulla strada provinciale 635, sul posto vigili del fuoco, carabinieri e soccorsi stradali. L'uomo è stato trasportato in ospedale con diversi traumi 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato