Contenuto sponsorizzato

Fermato un bracconiere, prendeva con delle reti i tordi per venderli come richiamo per la caccia

Sono 46 i tordi bottaccio che sono stati immediatamente liberati eccetto uno che è stato consegnato al Centro avifauna per delle cure. L'uomo, originario della Toscana, è stato denunciato 

Pubblicato il - 03 settembre 2019 - 17:37

TERMENO. Utilizzava delle reti tra i meleti e catturava in maniera illecita tordi. A finire nei guai un bracconiere originario della Toscana scoperto dal corpo forestale di Bolzano.

 
L'uomo è stato denunciato all'autorità giudiziaria per il reato di uccellagione, i 46 tordi bottaccio di cui è stato trovato in possesso sono stati immediatamente liberati eccetto uno, che è stato consegnato al Centro avifauna per delle cure.

 

I forestali sono riusciti a scoprire l'attività illecita. I tordi venivano riposti in piccole scatole e depositati presso un edificio agricolo che è stato posto sotto sequestro. 

 

I tordi bottaccio venivano attratti con dei richiami acustici e poi si impigliavano nelle reti. Successivamente inanellati con sistemi traumatici per essere venduti come richiamo per la caccia sul mercato del Nord Italia

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
22 giugno - 16:59
Il consigliere del Pd aveva chiesto spiegazioni sul perché alcuni alberghi trentini sul sito di Visit Trentino invece che la canonica dicitura [...]
Cronaca
22 giugno - 17:18
Sono stati analizzati 1.473 tamponi tra molecolari e antigenici. Ci sono 3 pazienti in terapia intensiva. Oltre 400 mila le dosi di vaccino [...]
Cronaca
22 giugno - 16:39
All'inizio degli anni '60 del secolo scorso, un precursore della libera professione, fra i periti industriali, affermandosi ben presto, per le sue [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato