Contenuto sponsorizzato

Furti in appartamento, arrestati quattro ladri acrobati che avevano ripulito 26 case a Trento e 4 a Bolzano

La prima parte dell'operazione si è conclusa alle prime luci dell'alba di giovedì scorso, quando le forze dell'ordine sono entrate in azione per fermare e arrestare i ladri, autori di circa trenta colpi tra luglio e agosto, ma anche fine ottobre e inizio novembre. Il procuratore: "In arrivo una strategia a medio termine. Troppi furti nelle case trentine"

Di Luca Andreazza - 22 gennaio 2019 - 12:10

TRENTO. Una trentina di furti in appartamento tra Trento e Bolzano. Quattro arrestati, tre albanesi e un rumeno, e altrettanti ricercati. La polizia è riuscita a sgominare un'associazione criminosa dopo una lunga e delicata indagine tra intercettazioni e pedinamenti

 

La prima parte dell'operazione si è conclusa alle prime luci dell'alba di giovedì scorso, quando le forze dell'ordine sono entrate in azione per fermare e arrestare i ladri, autori di circa trenta colpi tra luglio e agosto, ma anche fine ottobre e inizio novembre per 26 colpi a Trento e 4 a Bolzano.

 

 

"L'obiettivo - spiega Salvatore Ascione, vice questore di Trento e capo della squadra mobile - erano solo beni di lusso, come abbigliamento di marca e gioielli. Un'indagine complicata in quanto si è dovuto risalire alle utenze dei malviventi, isolare i numeri di cellulare sospetti associati a prestanome. A questi si aggiunge il ricorso alle tecniche vecchia scuola, come pedinamenti e osservazioni".

 

Un gruppo altamente specializzato in grado di colpire, quasi senza lasciare tracce e un modus operandi ormai consolidato. La base logistica era a Spini di Gardolo, un appartamento affittato da una ragazza, complice della banda, e messo a disposizione delle persone che poi hanno compiuto i furti. Dopo aver raggiunto Trento, gli autori pianificavano nei minimi dettagli l'azione criminale e da lì partivano le spedizioni per colpire i bersagli. Raid rapidi e duranti i quali i protagonisti si avvicendavano nel portare a termine il compito.

"Prima - aggiunge il vice questore - individuavano il bersaglio, quindi svolgevano diversi sopralluoghi in auto, a bordo di una Fiat Grande Punto di colore nero per non destare troppi sospetti. Tutti luoghi di difficile controllo e intervento delle forze dell'ordine. A quel punto entravano in azione: si arrampicavano anche ai piani alti in tarda serata in appartamenti sicuramente vuoti in quel momento, forzavano la finestra, ripulivano tutto e scappavano per rivendere quasi immediatamente la refurtiva".

 

La banda però ha commesso un errore e quindi è arrivata la svolta. In autunno è avvenuto l'arresto in flagranza di un componente dell'associazione: a bordo dell'auto diretta in Albania gli agenti trovavano macchine fotografiche, abbigliamento, argenteria e monete antiche, profumi e penne di pregio per un valore di circa 40 mila euro. Un tesoretto racimolato in due case in via della Cervara, ma anche in un'abitazione in collina (Qui articolo). 

"L'uomo - prosegue Ascione - viene intercettato e arrestato. Da lì dopo le attività del caso riusciamo a risalire alle utenze dei complici. In quell'occasione il malvivente viene 'pizzicato' a bordo dell'auto con due complici, poi indagati e arrestati nella mattina del 17 gennaio scorso. Ora le indagini proseguono e non si fermano".

 

Questo è il primo risultato dell'operazione 'Black Point' per la quale l'Autorità giudiziaria di Trento, su richiesta del pm Maria Colpani, ha emesso 8 ordinanze cautelari nei confronti di cittadini albanesi e moldavi, oltre a 4 decreti di perquisizione.

"Dopo questa serie di furti - commenta il procuratore Sandro Raimondi - abbiamo avviato analisi e studi in relazioni ai furti in appartamento. Un numero davvero elevato per l'estensione del territorio e la consistenza della popolazione. A breve faremo una riunione per analizzare questo fenomeni e trovare una strategia per rassicurare la città e i cittadini". 

 

Gli arresti sono stati eseguiti in collaborazione tra le squadre mobili di Trento, Milano e Bolzano, mentre gli arrestati sono stati portati al carcere di Trento, Bolzano e Verona. "L'azione di controllo sul territorio non si ferma - conclude Giuseppe Garramone, questore di Trento - possiamo garantire maggiore attenzione riguardo queste azioni criminali per portare maggiore tranquillità in Provincia". 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 febbraio - 08:20

Alla serata organizzata dal gruppo "Genitori e insegnanti per la cittadinanza attiva" sul futuro delle Pari opportunità la proposta di una dirigente scolastica: "Attrezziamoci per portare avanti comunque la promozione del rispetto e dell'uguaglianza". La prorettrice Poggio: "L'università continuerà a fare formazione"

21 febbraio - 09:47

Danni ingenti all'incrocio tra corso Rosmini e via Fontana a Rovereto: divelta una teca espositiva e vetri in frantumi. Nella vettura anche un'altra persona, nessun ferito. I passanti: ''Il mezzo finito proprio dentro la vetrina''

20 febbraio - 19:01

Il video mostra chiaramente cosa pensava il consigliere leghista prima di diventare presidente e cioè che per un decennio tutti abbiano mentito sul ritorno del lupo in Trentino (pensiero confermato dalla parlamentare Cattoi pochi giorni fa). Ora che è alla guida della Pat ha accesso a documenti e studi e può parlare con quegli stessi dirigenti che definiva con una ''impostazione ideologica''. Interrogazione di Ugo Rossi ''al fine di meglio tutelare l’immagine dell’istituzione che rappresenta''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato