Contenuto sponsorizzato

Furti in appartamento, arrestati quattro ladri acrobati che avevano ripulito 26 case a Trento e 4 a Bolzano

La prima parte dell'operazione si è conclusa alle prime luci dell'alba di giovedì scorso, quando le forze dell'ordine sono entrate in azione per fermare e arrestare i ladri, autori di circa trenta colpi tra luglio e agosto, ma anche fine ottobre e inizio novembre. Il procuratore: "In arrivo una strategia a medio termine. Troppi furti nelle case trentine"

Di Luca Andreazza - 22 January 2019 - 12:10

TRENTO. Una trentina di furti in appartamento tra Trento e Bolzano. Quattro arrestati, tre albanesi e un rumeno, e altrettanti ricercati. La polizia è riuscita a sgominare un'associazione criminosa dopo una lunga e delicata indagine tra intercettazioni e pedinamenti

 

La prima parte dell'operazione si è conclusa alle prime luci dell'alba di giovedì scorso, quando le forze dell'ordine sono entrate in azione per fermare e arrestare i ladri, autori di circa trenta colpi tra luglio e agosto, ma anche fine ottobre e inizio novembre per 26 colpi a Trento e 4 a Bolzano.

 

 

"L'obiettivo - spiega Salvatore Ascione, vice questore di Trento e capo della squadra mobile - erano solo beni di lusso, come abbigliamento di marca e gioielli. Un'indagine complicata in quanto si è dovuto risalire alle utenze dei malviventi, isolare i numeri di cellulare sospetti associati a prestanome. A questi si aggiunge il ricorso alle tecniche vecchia scuola, come pedinamenti e osservazioni".

 

Un gruppo altamente specializzato in grado di colpire, quasi senza lasciare tracce e un modus operandi ormai consolidato. La base logistica era a Spini di Gardolo, un appartamento affittato da una ragazza, complice della banda, e messo a disposizione delle persone che poi hanno compiuto i furti. Dopo aver raggiunto Trento, gli autori pianificavano nei minimi dettagli l'azione criminale e da lì partivano le spedizioni per colpire i bersagli. Raid rapidi e duranti i quali i protagonisti si avvicendavano nel portare a termine il compito.


"Prima - aggiunge il vice questore - individuavano il bersaglio, quindi svolgevano diversi sopralluoghi in auto, a bordo di una Fiat Grande Punto di colore nero per non destare troppi sospetti. Tutti luoghi di difficile controllo e intervento delle forze dell'ordine. A quel punto entravano in azione: si arrampicavano anche ai piani alti in tarda serata in appartamenti sicuramente vuoti in quel momento, forzavano la finestra, ripulivano tutto e scappavano per rivendere quasi immediatamente la refurtiva".

 

La banda però ha commesso un errore e quindi è arrivata la svolta. In autunno è avvenuto l'arresto in flagranza di un componente dell'associazione: a bordo dell'auto diretta in Albania gli agenti trovavano macchine fotografiche, abbigliamento, argenteria e monete antiche, profumi e penne di pregio per un valore di circa 40 mila euro. Un tesoretto racimolato in due case in via della Cervara, ma anche in un'abitazione in collina (Qui articolo). 


"L'uomo - prosegue Ascione - viene intercettato e arrestato. Da lì dopo le attività del caso riusciamo a risalire alle utenze dei complici. In quell'occasione il malvivente viene 'pizzicato' a bordo dell'auto con due complici, poi indagati e arrestati nella mattina del 17 gennaio scorso. Ora le indagini proseguono e non si fermano".

 

Questo è il primo risultato dell'operazione 'Black Point' per la quale l'Autorità giudiziaria di Trento, su richiesta del pm Maria Colpani, ha emesso 8 ordinanze cautelari nei confronti di cittadini albanesi e moldavi, oltre a 4 decreti di perquisizione.


"Dopo questa serie di furti - commenta il procuratore Sandro Raimondi - abbiamo avviato analisi e studi in relazioni ai furti in appartamento. Un numero davvero elevato per l'estensione del territorio e la consistenza della popolazione. A breve faremo una riunione per analizzare questo fenomeni e trovare una strategia per rassicurare la città e i cittadini". 

 

Gli arresti sono stati eseguiti in collaborazione tra le squadre mobili di Trento, Milano e Bolzano, mentre gli arrestati sono stati portati al carcere di Trento, Bolzano e Verona. "L'azione di controllo sul territorio non si ferma - conclude Giuseppe Garramone, questore di Trento - possiamo garantire maggiore attenzione riguardo queste azioni criminali per portare maggiore tranquillità in Provincia". 


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 December - 20:45

Il premier Giuseppe Conte spiega le principali misure contenute nel nuovo Dpcm per le festività di Natale e Capodanno: "La curva si è abbassata ma non possiamo distrarci e abbassare la guardia. Dobbiamo evitare la terza ondata"

03 December - 20:17

Sono 449 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 45 pazienti sono in terapia intensiva e 53 in alta intensità. Sono stati comunicati 239 positivi sull'analisi di 3.575 tamponi molecolari e altri 237 contagi sono stati individuati tramite 1.954 test antigenici per un totale di 476 casi nelle ultime 24 ore

03 December - 19:01

Mentre oggi la Pat ha finalmente comunicato i dati completi del contagio che mostrano come il Trentino abbia lo stesso numero (se non di più) di contagi dell'Alto Adige, come vi raccontava il Dolomiti da giorni, il presidente ha presentato i dati su Rt e ospedalizzazioni. Poi ha spiegato cosa non va delle decisioni prese a livello governativo e confermato che il weekend i negozi e centri commerciali saranno aperti in Trentino, salvo dpcm

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato