Contenuto sponsorizzato

I docenti dell'università si schierano con i lavoratori del portierato e lanciano una raccolta fondi: ''Sosteniamo la vertenza''

Una vicenda che coinvolge 54 lavoratori, il cui salario subirebbe con il passaggio alla nuova azienda appaltatrice (Ati Rear-Miorelli, una rete temporanea d'impresa) un taglio dal 25 al 40% del salario (da 10 euro lordi a 6 euro lordi, per uno stipendio mensile inferiore ai 700 euro)

Di Luca Andreazza - 22 July 2019 - 16:41

TRENTO. "Riteniamo essenziale non lasciare soli i lavoratori nella loro vertenza", così 22 direttori e docenti di Dipartimento dell'Università di Trento si sono mossi e hanno aperto una raccolta fondi (Qui link) per sostenere i lavoratori del portierato di UniTn contro i tagli decisi dalla nuova azienda che ha preso in gestione il servizio.

 

I sindacati erano intervenuti in maniera molto dura contro il governo provinciale e avevano organizzato nei giorni scorsi un presidio (Qui articolo), quindi la Cgil ha ripreso la questione nel corso del Tavolo sugli appalti (Qui articolo). Una vicenda che coinvolge 54 lavoratori, il cui salario subirebbe con il passaggio alla nuova azienda appaltatrice (Ati Rear-Miorelli, una rete temporanea d'impresa) un taglio dal 25 al 40% del salario (da 10 euro lordi a 6 euro lordi, per uno stipendio mensile inferiore ai 700 euro). "Non deve essere letta come una elemosina per lavarsi la coscienza - commenta Franco Ianeselli, numero uno della Cgil - ma come strumento per rendere più forte e più incisiva la mobilitazione dei lavoratori quali spese legali e azioni di lotta".

 

Anche alcuni docenti sono scesi in campo per lanciare sulla piattaforma GoFundMe una raccolta fondi, avviata giovedì 18 luglio, che è già riuscita superare la barriera dei 4 mila euro. "Siamo tutti consapevoli - spiegano - della difficile situazione in cui si sono venuti a trovare i lavoratori delle portinerie con il passaggio del servizio ad un nuovo gestore. Siamo consapevoli dell’importanza del loro contributo al buon funzionamento dell’ateneo e della dedizione con cui hanno svolto i loro compiti".

 

"Per questi motivi, a prescindere dalle iniziative che l’Ateneo sta prendendo e prenderà in quanto istituzione sul tema, riteniamo essenziale non lasciare soli i lavoratori nella loro vertenza. Vertenza che non riguarda soltanto la richiesta di livelli salariali accettabili, ma anche il riconoscimento della loro dignità professionale e delle esperienze acquisite. In quanto cittadini oltre che membri di questa comunità accademica, vi invitiamo allora ad esprimere ai lavoratori delle portinerie la vostra solidarietà, contribuendo con una donazione alla creazione di un fondo di solidarietà. Le risorse raccolte saranno destinate a sostenere i lavoratori nella loro vertenza".

 

Una raccolta fondi promossa da Alessandro Quattrone (Dip. biologia cellulare, computazionale e integrata-Cibio) a Andrea Fracasso (Scuola di studi internazionali), da Andrea Pugliese (Dip. matematica) a Carlo Miniussi (Centro interdipartimentale mente/cervello - Cimec), da Dario Petri (Dip. ingegneria industriale) a Edoardo Meneghini (presidente del consiglio degli studenti).

 

E ancora Flavio Bazzana (Dip. economia e management), Flavio Deflorian (Dip. ingegneria industriale), Franco Fraccaroli (Dip. psicologia e scienze cognitive), Fulvio Cortese (Dip. giurisprudenza), Giulio Monaco (Dip. fisica), Giuseppe Sciortino (Dip. sociologia e ricerca sociale), Ilaria Pertot (Centro agricoltura alimenti ambiente-C3A), Marco Andreatta (Dip. matematica), Marco Gozzi (Dip. lettere e filosofia), Mario Diani (Dip. sociologia e ricerca sociale), Oreste Bursi (Dip. ingegneria civile, ambientale e meccanica), Paola Iamiceli (Dip. giurisprudenza), Paola Venuti (Dip. psicologia e scienze cognitive), Paolo Collini (Dip. economia e management), Paolo Giorgini (Dip. ingegneria e scienza dell’informazione) e Paolo Macchi (Dip. biologia cellulare, computazionale e integrata-Cibio). 


Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 maggio - 22:04
Sono 954 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 22 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 141 guarigioni dal [...]
Cronaca
05 maggio - 20:14
Un pensionato 77enne, nonostante una condanna per tentato omicidio, ha pensato di raggiungere l’ex compagna sottoponendola all’ennesimo [...]
Cronaca
06 maggio - 06:01
Da metà aprile la campagna vaccinale trentina ha subito una svolta, con i richiami che sono stati posticipati mentre è stata accelerata la [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato