Contenuto sponsorizzato

Maltempo, riaperti Passo Pordoi e la strada 48 delle Dolomiti

Il lavoro senza sosta dei tecnici di Veneto Strade ha portato quest'oggi, attorno a mezzogiorno, alla riapertura del passo bloccato da venerdì a causa di alcuni smottamenti 

Pubblicato il - 28 luglio 2019 - 14:43

BELLUNO. E' stata riaperta nel primo pomeriggio di oggi la strada del Passo Pordoi colpita dal maltempo nei giorni scorsi con una frana che aveva interrotto completamente la viabilità.

 

Veneto Strade ha infatti informato poco dopo mezzogiorno sul completamento delle operazioni di pulizia della strada e a questo si è arrivati anche grazie al fatto che il maltempo ha dato un po' di tregua consentendo al personale di lavorare in sicurezza.

 

Ieri sera la situazione era ben diversa. Veneto Strade aveva chiesto al prefetto il presidio delle Forze dell'ordine per evitare che alcune persone potessero forzare le transenne mettendo a rischio la loro incolumità.

La strada “delle Dolomiti” venerdì era stata chiusa al traffico per una frana dovuta al maltempo. Erano 5 i fronti di frana, in prossimità del Passo Pordoi, su cui lavorando le squadre di Veneto Strade.

 

A causa del maltempo degli ultimi giorni non sono mancati i problemi anche in Trentino. A causa del nubifragio di ieri pomeriggio si è allagato l'intero centro di Mezzolombardo. Altri allegamenti si sono verificati sull’A22 all’altezza di Villa Lagarina e nella zona di Tenna e Pergine, interessate anche da lievi smottamenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato