Contenuto sponsorizzato

Manifesti shock che ricordano i 100 anni della nascita del Fascismo sugli spazi del Comune

Sono apparsi questa mattina in via Fogazzaro in città. Contattata l'amministrazione si è detta estranea ai fatti e ora provvederà alla rimozione

Di Luca Pianesi - 22 marzo 2019 - 10:47

TRENTO. Sono apparsi in via Fogazzaro, a Trento, sugli spazi pubblicitari concessi dal Comune. Fascio littorio, aquila, e ricorrenza in calce: 100 anni di giovinezza 23 marzo 1919 - 23 marzo 2019. Il riferimento va dritto dritto alla nascita del fascismo: il partito nazionale fascista fu fondato, infatti, a Roma il 9 novembre 1921 ma fu l'evoluzione del ''movimento dei Fasci di Combattimento'', fondati il 23 marzo 1919 sempre da Mussolini.

 

Sono, quindi, dei manifesti shock quelli attaccati sugli spazi che l'amministrazione concede per le pubblicità. Manifesti privi di timbri e di ''provenienza''. Non c'è scritto, infatti, chi li ha prodotti. Raggiunto telefonicamente l'ufficio comunicazione del Comune di Trento ci è stato confermato, dopo una breve verifica, che l'amministrazione è totalmente estranea ai fatti.

 

 

Si tratta quindi di manifesti abusivi attaccati nella notte e, dopo sollecitazione e segnalazione esplicita fatta da ilDolomiti all'amministrazione, è già stata mobilitata l'Ica (Imposte comunali affini che gestisce gli spazi) che provvederà a coprire questi manifesti che inneggiano senza ombra di dubbio al fascismo e ai suoi (dis)valori, anticostituzionali e antidemocratici.

 

I Fasci Italiani di Combattimento vennero sciolti nel novembre 1921 al terzo congresso di Roma nonostante contassero già 312.000 iscritti e fu creato il Partito Nazionale Fascista

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 20:51

Sono 446 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 219 positivi a fronte dell'analisi di 3.955 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

28 novembre - 22:40

Il conducente di 22 anni di Caderzone Terme ha improvvisamente perso il controllo del mezzo per finire contro alcuni alberi a lato strada e poi cappottarsi. Una 15enne è morta sul colpo, gravi gli occupanti dell'abitacolo

28 novembre - 20:00

A livello territoriale, attualmente non ci sono Comuni che entrano in zona rossa, mentre per Castello Tesino, Baselga di Pinè e Bedollo le stringenti limitazioni sono agli sgoccioli. Fugatti: "C'è qualche caso ma sono territori ben sotto i mille abitanti e quindi li prendiamo in considerazione perché contagio è circoscritto"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato