Contenuto sponsorizzato

Manifesti shock che ricordano i 100 anni della nascita del Fascismo sugli spazi del Comune

Sono apparsi questa mattina in via Fogazzaro in città. Contattata l'amministrazione si è detta estranea ai fatti e ora provvederà alla rimozione

Di Luca Pianesi - 22 marzo 2019 - 10:47

TRENTO. Sono apparsi in via Fogazzaro, a Trento, sugli spazi pubblicitari concessi dal Comune. Fascio littorio, aquila, e ricorrenza in calce: 100 anni di giovinezza 23 marzo 1919 - 23 marzo 2019. Il riferimento va dritto dritto alla nascita del fascismo: il partito nazionale fascista fu fondato, infatti, a Roma il 9 novembre 1921 ma fu l'evoluzione del ''movimento dei Fasci di Combattimento'', fondati il 23 marzo 1919 sempre da Mussolini.

 

Sono, quindi, dei manifesti shock quelli attaccati sugli spazi che l'amministrazione concede per le pubblicità. Manifesti privi di timbri e di ''provenienza''. Non c'è scritto, infatti, chi li ha prodotti. Raggiunto telefonicamente l'ufficio comunicazione del Comune di Trento ci è stato confermato, dopo una breve verifica, che l'amministrazione è totalmente estranea ai fatti.

 

 

Si tratta quindi di manifesti abusivi attaccati nella notte e, dopo sollecitazione e segnalazione esplicita fatta da ilDolomiti all'amministrazione, è già stata mobilitata l'Ica (Imposte comunali affini che gestisce gli spazi) che provvederà a coprire questi manifesti che inneggiano senza ombra di dubbio al fascismo e ai suoi (dis)valori, anticostituzionali e antidemocratici.

 

I Fasci Italiani di Combattimento vennero sciolti nel novembre 1921 al terzo congresso di Roma nonostante contassero già 312.000 iscritti e fu creato il Partito Nazionale Fascista

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 luglio - 12:58

Dopo la discussione social e la capogruppo della Lega accusata di diffondere notizie incomplete e di risposte con affermazioni molto pesanti, il movimento femminile del Patt prende posizione. La Lega ribatte e il Pd solidarizza con le stelle alpine: "Basta con questo linguaggio offensivo e becero del carroccio. Non attaccano sul contesto, ma in base a quello che fa più presa sull'elettorato"

20 luglio - 06:01

La Pat in numerose occasioni ha ripetuto che l'orso è stato protagonista dell'80% delle predazioni totali da parte degli orsi e del 50% dei danni. Dati corretti ma che oggi (che siamo entrati in possesso dei Rapporti specifici che riguardano il plantigrado) possiamo tradurre in numeri: nel 2018, per esempio, ha ucciso 11 dei 13 bovini predati in totale da tutti i plantigradi a fronte di oltre 46.000 capi in provincia. Curiosità: il 26 settembre è stato investito da un furgone ma ha riportato pochissimi danni

20 luglio - 09:12

E' successo a porto San Nicolò. L'automobilista invece di entrare in un parcheggio ha sbagliato strada e si è trovato in ciclabile. Accortosi dell'errore ha fatto retromarcia 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato