Contenuto sponsorizzato

Maxi inchiesta Trento Rise, seconda condanna per l'ex presidente Giunchiglia

Ieri sera la sentenza con la condanna a due anni e otto mesi e il pagamento di 80 mila euro. L'ex presidente del consorzio era già stato condannato in primo grado a 1 anno e 6 mesi  e al pagamento di 60 mila euro per il filone sulle consulenze gonfiate

Pubblicato il - 18 aprile 2019 - 08:07

TRENTO. Due anni e 8 mesi e in più un versamento di 80 mila euro a titolo di provvisionale alla parte civile. E' arrivata ieri sera la condanna a Fausto Giunchiglia, docente universitario ed ex presidente di Trento Rise.

 

Una condanna pesante per falso e turbativa d'asta a fronte della richiesta del pm che era stata di un anno e mezzo e che riguarda uno dei tanti filoni dell'inchiesta che coinvolge il consorzio formato tra Fbk e l'Università di Trento.

 

Giunchiglia era già condannato in primo grado a 1 anno e 6 mesi e al pagamento di 60 mila euro per il filone sulle consulenze gonfiate (Qui l'articolo) ed era l'unico rinviato a giudizio per le tre indagini che riguardano i pcp pilotati (Qui articolo).

 

 La difesa affidata agli avvocati Maria Cristina Osele e Marco Zanella ha depositato un enorme volume di documenti per dimostrare il fatto che l'ex presidente è stato vittima del sistema e non co-autore. Questo non è  però servito per cambiare le sorti del processo.

 

Per Fausto Giunchiglia si prevede ora il ricorso in appello.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
29 novembre - 15:10

Dai primi fastidi alle settimane rinchiusa in casa. Ilaria, residente a Egna, racconta il suo viaggio nella lotta contro il Covid. Tra i più grandi ostacoli spiccano quelli mentali: "Mi sentivo psicologicamente demoralizzata perché credetemi, questa bestia prende tutto, pure la mente. Spero che la mia storia sia di aiuto a chi si trova nella mia stessa situazione"

29 novembre - 17:00

Una persona estratta dalla lamiere dell’auto con le pinze idrauliche. Il ferito trasportato in codice rosso all’ospedale. Sul posto sanitari vigili del fuoco e forze dell’ordine

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato