Contenuto sponsorizzato

Meteo, temperature verso il record di 23 gradi del 1998. L'anno scorso la massima era 5 gradi

Primavera in anticipo: fino a giovedì giornate soleggiate e zero termico a 3.200-3.300 metri. Da venerdì ''evoluzione incerta''

Pubblicato il - 25 febbraio 2019 - 18:32

TRENTO. Che il caldo sia arrivato (in anticipo) se ne sono già accorti tutti. Quello che non tutti sanno, invece, è che le temperature massime registrate in questi giorni sono almeno il doppio più alte di quelle dello scorso anno. E che tra martedì e mercoledì, complice il Föhn, si potrebbe sfondare la soglia dei 20 gradi.

 

Temperature decisamente primaverili, insomma, e decisamente più alte di quelle del 2018. Questo secondo i dati di MeteoTrentino (qui). Se si prende ad esempio Trento, con la misurazione condotta in località Laste, ci si rende conto subito della situazione.

 

Oggi, lunedì 25 febbraio, la massima è stata di 15 gradi, venerdì scorso di 19,9. Nelle stesse giornate dello scorso anno, secondo l'analisi mensile di MeteoTrentino, la massima era di nemmeno 5 gradi e, il 22 febbraio, di 7 gradi.

Il record del 17 febbraio 1998, di 23 gradi, non è ancora stato raggiunto. Ma secondo MeteoTrentino potrebbe accadere nei prossimi giorni, tra martedì e mercoledì, quando potrebbe arrivare il Föhn. Con il vento non è escluso nemmeno un superamento dei 20 gradi e, quindi, del record del 1998.

 

Sempre il 25 febbraio 2018 la previsione recitava: "Sulle Alpi transita una perturbazione. Cielo molto nuvoloso con deboli precipitazioni sparse, nevose anche alle quote più basse, in attenuazione in serata. Temperature in graduale e sensibile calo nel corso della giornata. Venti settentrionali, in quota fino a moderati, in valle perlopiù deboli".

 

Notevole è la differenza con quella attuale, elaborata lunedì alle 12: "Fino a giovedì tempo stabile e soleggiato con temperature in aumento, verso valori decisamente superiori alle medie del periodo specie nelle massime".

 

Sempre fino a giovedì gli esperti collocano lo zero termico a 3.200-3.300 metri. Da venerdì 1 marzo le cose potrebbero cambiare: "Evoluzione più incerta per venerdì - si legge - quando il possibile transito di una perturbazione comporterà il calo delle temperature, il probabile aumento della nuvolosità e possibili deboli precipitazioni".

 

La perturbazione di fine settimana potrebbe essere passeggera. Difficile (perché troppo presto) dire al momento cosa accadrà dopo, verso martedì grasso. Ancora dita incrociate per le sfilate, dunque.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

24 novembre - 19:26

Sono 478 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 51 in alta intensità. Sono stati trovati 143 positivi a fronte dell'analisi di 2.235 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

24 novembre - 19:49

Un'operazione di questo tipo non era mai stata messa in campo nemmeno nella prima ondata ma la situazione è preoccupante e i positivi sono diversi sia tra i permanenti che nella protezione civile. Lo screening con tamponi molecolari avverrà a partire da mercoledì

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato