Contenuto sponsorizzato

Nasce il comune ''Terre d'Adige'' e il nuovo commissario è il leghista Fontan

La decisione è stata presa dalla Giunta provinciale. Fontan è stato parlamentare della Lega per due legislature ed ha svolto anche incarichi di partito. Ora si è insediato nel ruolo di commissario per il nuovo comune  

Pubblicato il - 04 gennaio 2019 - 08:56

TERRE D'ADIGE. Da quattro giorni il Trentino ha un nuovo comune nato dalla fusione di Nave San Rocco e Zambana. Si chiama Comune di Terre d’Adige, ed ha visto da poche ore l'insediamento del commissario straordinario designato dalla Giunta Provinciale, Rolando Fontan, che reggerà il Comune fino alle elezioni amministrative che si terranno, indicativamente, nel prossimo mese di maggio.

 

Furlan, con già alle spalle un'esperienza amministrativa solida, è stato parlamentare della Lega per due legislature dal 1994 al 2001 rivestendo poi anche incarichi di partito in Trentino. Nel visitare le sedi del Comune ha incontrare i veri servizi per fare il punto sulla situazione. Appuntamento anche con i due ex sindaci Renato Tasin e Joseph Valer per conoscere le questioni da portare avanti e concordare con loro il metodo di lavoro da attuare nei prossimi mesi.

 

L'obiettivo dell'attività che si vuole portare avanti, viene spiegato in una nota del neo comune, sarà quello di non aumentare la spesa corrente del personale e di utilizzare il risparmio derivato dalla fusione a beneficio della cittadinanza. Al fine di garantire una continuità dell’attività amministrativa, Furlan ha chiesto ai due ex Sindaci di affiancarlo per condividere le decisioni che sarà chiamato a prendere e ha affidato loro il compito di garantire la rappresentanza del nuovo Comune negli Enti in cui esso è inserito e nelle varie iniziative della comunità.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:38

Guarire dal coronavirus non garantisce l’immunità permanente, il direttore dell’azienda sanitaria: “Circa il 75% delle persone contagiate in primavera, a settembre, avevano ancora gli anticorpi che riescono a neutralizzare il virus, ma il restante 25% può ammalarsi di nuovo. Al momento non ci sono modi per distinguere chi resta protetto dagli altri, quindi anche i guariti devono continuare a rispettare le norme di isolamento e proteggersi”

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino è tornato a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato