Contenuto sponsorizzato

''Picchia con inaudita violenza'' e usa la bandierina come un bastone, ''dando l'impressione di voler massacrare chiunque'': maxi-rissa tra Isera e Baone

Tutto è successo domenica scorsa, 29 settembre, in Isera-Baone, gara terminata 2-2 e valida per il quarto turno del campionato di Prima categoria. Tutto nasce da un diverbio che termina con uno sputo di un giocatore arcense al volto di un avversario. Da lì un parapiglia nel giro di pochi secondi, una maxi rissa, scene da far west che nulla hanno a che vedere con il calcio

Di L.A. - 03 ottobre 2019 - 18:45

TRENTO. "In qualità di assistente arbitrale, per tutta la durata della rissa verificatasi al termine della gara, picchiava con inaudita violenza tanti giocatori avversari, alzandoli di peso, buttandoli a terra e colpendoli con forti pugni e calci alle costole, dando l'impressione di voler massacrare chiunque gli si parasse davanti. In possesso della bandierina, la usava a mo' di bastone per colpire e a mo' di spada per trafiggere. Quanto sopra avveniva fino a che, altri dirigenti, lo portavano via di peso".

 

Questa è una motivazione nel comunicato ufficiale della Figc di giovedì 3 ottobre che ha portato il giudice sportivo a squalificare per cinque anni, cioè fino al 3 ottobre 2024 un dirigente dell'Isera. Tutto è successo domenica scorsa, 29 settembre, in Isera-Baone, gara terminata 2-2 e valida per il quarto turno del campionato di Prima categoria.

 

Tutto nasce da un diverbio che termina con uno sputo di un giocatore arcense al volto di un avversario. Da lì un parapiglia nel giro di pochi secondi, una maxi rissa, scene da far west che nulla hanno a che vedere con il calcio. Una ventina di tesserati che cercano di regolare i conti con lotte a terra, bandierina usata come spada o lancia, pugni e schiaffi, spintoni e calci. Insomma, non manca, purtroppo, quasi nulla. Il risultato è un totale di circa 10 anni di squalifica per quattro tesserati, individuati tra i più attivi nella vicenda.

 

A questo si aggiungono 250 euro di multa per la Baone "per responsabilità oggettiva, in quanto alla rissa hanno partecipato parecchi suoi tesserati, molti dei quali il direttore di gara non ha potuto individuare". Idem in casa Isera

 

Un'inibizione fino al 3/10/2021 per l'allenatore dell'Isera: "Parte attiva nella rissa verificatasi al termine della gara, durata circa quindici minuti, scambiava calci, pugni, schiaffi e lotta con un giocatore avversario, inserendosi successivamente con violenza in ogni disputa nella quale era presente un avversario". 

 

Due anche i giocatori che per molto tempo non potranno scendere in campo. Un tesserato dell'Isera fino al 3/10/2021 perché "durante la rissa verificatasi al termine della gara, colpiva un avversario alla testa con un fortissimo pugno, facendolo cadere e provocandogli forte dolore con bernoccolo e un piccolo foro sulla tempia, partecipando anche allo scontro con altri avversari".

 

Un calciatore della Baone fino al 3/12/2020 in quanto "nella rissa, scatenatasi a fine gara, che vedeva coinvolti una ventina fra calciatori e dirigenti, veniva alle mani con calci, pugni, spintoni e lotta a terra con l'allenatore avversario, provocandogli una ferita alla gamba sinistra, con perdita di sangue". Fortunatamente nessun ferito grave, anche se un calciatore è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso per uno zigomo rotto. 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 giugno - 06:01
L'analisi di tutti i dati della campagna vaccinale per fasce d'età e il confronto con la settimana precedente. La Pat ora deve concentrare [...]
Cronaca
17 giugno - 08:59
Sono arrivate nelle scorse ore le nuove nomine dell'arcivescovo di Trento Tisi. Si tratta dei nuovi ruoli che i sacerdoti avranno sul nostro [...]
Cronaca
16 giugno - 19:59
Nicola Paoli (Cisl medici): "I parenti hanno riferito in televisione che la vicenda riguarda [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato