Contenuto sponsorizzato

Predazione di un capriolo vicino alle case. Scarian: ''Non gridate 'al lupo'. E' stato un cane. Fenomeno sempre più diffuso e preoccupante''

Questa mattina l'appassionato si è confrontato con forestali, guardiacaccia ed esperti e la conclusione è stata unanime: ''Non si tratta di un lupo. L'attacco è stato molto diverso e casi simili si sono verificati sempre vicino a Panchià. Posizioneremo delle fototrappole per monitorare il fenomeno''

Di Luca Pianesi - 11 aprile 2019 - 17:50

PANCHIA'. ''Ecco cosa succede quando si lasciano i cani liberi. Qui siamo a pochi metri dalle case di Panchià. Il lupo non c'entra come non c'entrava nulla quando erano state sbranate delle capre a Masi di Cavalese eppure giornali e politica avevano gridato il solito al lupo, al lupo (QUI ARTICOLO)''. Paolo Scarian ha passato la mattinata a fare verifiche e confronti con forestali, cacciatori ed esperti. La conclusione è che quanto accaduto vicino alle case del comune fimmese non ha a che fare con il predatore selvatico ma sarebbe da ricollegare a un cane.

 

''E la cosa, se vogliamo, può essere ancor più preoccupante - spiega l'appassionato ed esperto conoscitore degli esemplari della Val di Fiemme e della Val di Fassa - perché il cane che compie questo tipo di predazioni conserva la confidenza del nostro amico a quattro zampe verso l'essere umano ma ha comunque forza e istinto predatorio. Quella della foto è una femmina di capriolo adulto e l'animale che l'ha attaccata per averla abbattuta in questo modo dimostra di avere sia le capacità fisiche che di saper bene dove attaccare. Probabilmente non è la prima volta che compie una simile azione''.

 

E infatti nei suoi confronti di questa mattina con forestali e guardiacaccia è emerso come proprio nella zona di Panchià siano state trovate altre carcasse di capriolo che potrebbero essere riconducibili a predazioni simili. Ma perché non potrebbe trattarsi di lupo? ''Perché mancano i principi base - spiega ancora Scarian - non c'è trascinamento, la pancia e la parte dello stomaco non è stata toccata e poi lì dove è avvenuto il fatto è davvero molto vicino alle case. Un lupo non avrebbe seguito la preda fino a quel punto. Con forestali ed esperti di lupo abbiamo concluso che non possa che trattarsi di un cane''.

 

E che il fenomeno sia molto più diffuso di quanto si possa pensare, anche nelle nostre zone, è lo stesso Scarian a confermarlo. ''Qualche giorno fa, per esempio, un amico mi ha chiesto cosa avesse mangiato il suo cane - racconta - perché aveva vomitato qualcosa di strano. Si trattava dell'intestino di un camoscio. In valle e nei paesi di montagna, infatti, in molti usano lasciar andare i propri cani, magari la mattina o la sera, a fare i bisogni per conto proprio. E così, quando vanno a spasso da soli, può capitare che si mettano a seguire tracce, che vadano a cercare carcasse di animali morti e, se si abituino, anche a predare animali selvatici. Al cane del mio amico è capitato quasi sicuramente il secondo caso. E poi c'è il fenomeno del randagismo che va tenuto nella massima attenzione''.

 

Per questo lo stesso Scarian con forestali e cacciatori è pronto a posizionare delle fototrappole nelle zone dove sono state segnalate le predazioni più sospette. ''Il consiglio, per tutti, è sempre lo stesso - conclude l'appassionato -: tenete al guinzaglio i vostri amici a quattro zampe e sempre sotto stretta osservazione. E, soprattutto, abituiamoci a smetterla di gridare sempre 'al lupo, al lupo'. Partiamo, invece, dal migliorare i nostri comportamenti, compreso il come trattiamo i nostri cani''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 11:50

Sono stati analizzati 2.388 tamponi per 494 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 20,7%. Altri 3 morti, il bilancio sale a 228 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 523 decessi da inizio epidemia

28 novembre - 04:01

La questione approda in consiglio provinciale con un'interrogazione di Luca Zeni. Post pro Trump (assistito da Gesù nella sua battaglia), uno su Linkedin dove qualificandosi come capo gabinetto della Pat scrive di essere in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Whuan e poi la ''Q'' sul profilo, l’hastag acronimo “WWG1WGA” usato dagli adepti di questa frangia dell'ultradestra che si rifà a un cattolicesimo reazionario che in America (ma anche in Italia) si sta facendo spazio. Il consigliere chiede chiarezza

28 novembre - 11:15

Anche Trento si è svegliata tappezzata dai manifesti delle "Mascherine tricolori". L'obiettivo, questa volta, è Amazon. Tra inviti a sostenere i commercianti locali e a boicottare il colosso dell'e-commerce, in messaggi intrisi di nazionalismo e cospirazionismo, dietro c'è sempre l'estrema destra

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato