Contenuto sponsorizzato

Quattro scialpinisti hanno rischiato di morire assiderati. Sono rimasti bloccati per nove ore in mezzo alla neve

Hanno passato nove ore all'addiaccio a circa 2 mila metri di cuore. Il soccorso alpino è riuscito a raggiungerli a piedi trovando però diverse difficoltà a causa della fitta nevicata  

Pubblicato il - 14 aprile 2019 - 12:37

BOLZANO. Hanno rischiato di morire assiderati i quattro scialpinisti che sono rimasti bloccati in mezzo alla neve in val Ridanna.

 

E' successo ieri sera e l'allarme è stato dato attorno alle 17. Il gruppo aveva scalato il ghiacciaio dello Stubai dal lato austriaco per poi cercare di scendere dal versante altoatesino.

 

Si sono però scontrati con una forte nevicata che li ha portati a perdere l'orientamento. E' stata allertata la centrale di emergenza.

Sono cominciate le operazioni di soccorso che non sono però state per nulla semplici a causa della fitta nevicata che ha impedito all'elicottero di levarsi in volo.

 

Il soccorso alpino, con 20 uomini, ha quindi cercato di raggiungere il luogo dove si trovavano gli scialpinisti a piedi. Le difficoltà incontrato hanno portato all'individuazione delle persone solo alle due del mattina.

 

I quattro scialpinisti sono quindi stati portati a valle

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

25 aprile - 16:14

Un'auto nell'affrontare una curva prima dell'abitato di Nogarè ha stretto troppo la traiettoria per uscire di strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato