Contenuto sponsorizzato

Tragedia sul lavoro in val di Fiemme, Cgil, Cisl e Uil: ''Anno nero. Proclamiamo un'ora di sciopero'', l'assessora Segnana: ''Dobbiamo prestare attenzione''

L'operaio 63enne è morto dopo che è precipitato per una quindicina di metri da un'impalcatura nel cantiere edile per la costruzione del nuovo stabilimento del Pastificio Felicetti. I sindacati esprimono solidarietà e vicinanza ai familiari della vittima: "Mettiamo a disposizione i nostri servizi legali"

Pubblicato il - 23 November 2019 - 19:15

TRENTO. "Il 2019 rischia di essere l'anno nero per la sicurezza sul lavoro". Così Franco Ianeselli (Cgil), Michele Bezzi (Cisl) e Walter Alotti (Uil) nel commentare l'infortunio mortale avvenuto in val di Fiemme, che aggiungono: "La morte dell'operaio edile di oggi è la tragica dimostrazione che siamo davanti a una vera e propria strage: non si deve morire di lavoro".

 

L'operaio 63enne Neculai Minac è morto dopo che è precipitato per una quindicina di metri da un'impalcatura nel cantiere edile per la costruzione del nuovo stabilimento del Pastificio Felicetti (Qui articolo). I sindacati esprimono solidarietà e vicinanza ai familiari della vittima e ribadiscono la necessità che anche in Trentino si parli di sicurezza sul lavoro come una vera emergenza.

 

"Non possiamo limitarci alle parole di circostanza. Quanto sta accadendo - continuano Cgil, Cisl e Uil - sul nostro territorio impone a tutti, sindacati, imprese e istituzioni di affrontare la situazione con azioni straordinarie per garantire il diritto alla sicurezza sul lavoro. Se si continua a morire evidentemente non si sta facendo ancora tutto il possibile".

 

Una preoccupazione che è risuonata forte anche ieri durante l’assemblea provinciale dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza delle parti sociali. “Dagli Rls è arrivato un vero e proprio grido d’allarme e la forte preoccupazione per una situazione, che in alcuni contesti, è assolutamente insostenibile – insistono Ianeselli, Bezzi e Alotti -. Per questa ragione siamo pronti a mobilitare tutti i lavoratori e le lavoratrici. E' proclamata un'ora di sciopero in tutta la Provincia la settimana prossima con manifestazione a Trento".

 

In merito all’incidente di oggi le tre confederazioni auspicano che si faccia luce quanto prima sulle cause che hanno determinato la morte dell’operaio e si accertino eventuali responsabilità in tempi rapidi. "Mettiamo a disposizione della famiglia della vittima i nostri servizi legali", concludono i segretari di Cgil, Cisl e Uil.

 

Anche la Provincia interviene. "E' sempre più imprescindibile garantire a tutti condizioni di lavoro sicure - dice l'assessora Stefania Segnana - ma per farlo dobbiamo impegnarci in modo trasversale coinvolgendo i diversi soggetti del territorio. E' necessario lavorare poi, ancora di più, nel diffondere una cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro, nelle iniziative di sensibilizzazione e soprattutto in quelle di prevenzione. Recentemente abbiamo avviato i lavori del Comitato provinciale di coordinamento in materia di Salute e Sicurezza sul lavoro e, proprio lo scorso ottobre, insieme al presidente Fugatti e all'assessore Achille Spinelli, ho partecipato alla riunione del comitato che si è tenuta in Provincia. Nella riunione si è fatto il punto proprio sui drammatici infortuni che erano accaduti negli ultimi mesi. Ora gli infortuni mortali dall'inizio del 2019 sono il doppio dello scorso anno. Dobbiamo mettere in campo tutte le risorse possibili per fermare questa situazione preoccupante".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 January - 05:01

Nell'arco di due settimane si dovrebbe completare la seconda fase di somministrazione nelle Rsa Trentine. Nei prossimi giorni è stato chiesto un tavolo con la Provincia per ridiscutere assieme i protocolli di sicurezza e consentire una riapertura graduale delle strutture consentendo anche un ritorno degli abbracci

26 January - 07:54

Ieri a parlare è stato lo zio del giovane indagato per l’omicidio dei genitori e l’occultamento dei cadaveri dichiarando che secondo lui "Sicuramente non è stato un allontanamento volontario o un incidente" e sulla possibilità che i due corpi siano nel fiume ha dichiarato che potrebbe essere anche un depistaggio 

25 January - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato