Contenuto sponsorizzato

Truffano le suore inventandosi un miracolo. Per ottenere il perdono fanno una donazione

Prima si inventano di aver ottenuto una grazia e per questo si offrono per fare dei lavori ad un convento di Mattarello. Alla fine, però, presentano il conto e minacciano le suore. Due lombardi sono stati denunciati 

Pubblicato il - 23 April 2019 - 08:35

TRENTO. In due avevano escogitato una truffa alle suore di Mattarello e alla fine, però, hanno pagato per il loro comportamento con una donazione. La vicenda risale al 2017 ma è terminata solo nei giorni scorsi. Vittime della truffa sono le suore di Mattarello mentre a pensarla sono stati due uomini lombardi, un ventenne e un 37enne.

 

La vicenda è iniziata quando un giorno di settembre dello scorso anno il telefono delle suore suonò e dall'altra parte della cornetta c'era un uomo che raccontava di aver ricevuto una grazia. La sorella, infatti, si era appena risvegliata dal coma che era stato giudicato irreversibile. Un fatto che il fratello voleva far trascrivere nel libro della grazie tenuto dal convento delle suore.

 

La richiesta venne accolta e a fine mese l'uomo raggiunse il convento e per dimostrare la sua devozione si propose, ovviamente a titolo gratuito, di fare dei piccoli lavori di restauro. Dopo una piccola titubanza delle suore, quest'ultime acconsentirono e all'uomo furono date per prima cosa delle piccole campanelle che decoravano un altare. Successivamente, arrivato in convento con un aiutante, ha insistito per altri lavori che furono eseguiti in modo grossolana.

 

Al termine di tutto, però, è arrivata la truffa. L'uomo, infatti, che inizialmente si era proposto di svolgere i lavori a titolo gratuito per la grazia avuta, presentò un conto di 3500 euro alle suore minacciandole che se non avessero pagato, le avrebbe portate in tribunale.

 

Una situazione che spaventò molto le suore che però fecero la cosa giusta: si rivolsero subito ai carabinieri. I due furono subito individuati e denunciati. Ora dovranno risarcire l'ordine con circa 400 euro a testa che l'ordine ha deciso di devolvere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

20 gennaio - 19:17

Il 21 gennaio 1921 il Partito socialista italiano, riunito a Livorno per il XVII Congresso, si spaccò. Una componente fuoriuscita fondò il Partito comunista d'Italia, forza che avrebbe segnato la storia del '900 italiano. Quella rottura fu però anche il sintomo della difficoltà a leggere il presente, con il fascismo che l'anno successivo avrebbe preso il potere. Lo storico Marcello Flores: "Nel momento in cui serviva maggiormente unità, ci si frantumò sulla rivoluzione. Ma la prospettiva rivoluzionaria era scomparsa"

21 gennaio - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato