Contenuto sponsorizzato

Un'ora dopo si stacca un'altra valanga, isolata l’intera val Martello: evacuate 20 persone. Guarda il VIDEO

Due slavine in rapida successione che hanno danneggiato due case e isolato completamente la piccola valle, saltate anche le linee elettriche e quelle telefoniche. Il sindaco Georg Altstätter: “La valanga Eberhöfer si è staccata alle 8.33 sfiorando l'abitato di Martello, due case sono state parzialmente danneggiate”. Allestito il rifugio di emergenza della Croce Bianca che offrirà ospitalità sino al termine della situazione di allarme

 

 

Di Tiziano Grottolo - 17 November 2019 - 15:12

MARTELLO (BZ). La slavina era costantemente monitorata ma la paura è stata comunque tanta quando, intorno alle 8 e mezza di questa mattina, gli abitanti del piccolo comune di Martello hanno assistito impotenti all’enorme ammasso di neve che si infilava fra le loro case.

 

La neve è arrivata a lambire il primo piano di alcune case e ha causato non pochi disagi alla popolazione, infatti le linee elettriche, così come quelle telefoniche, sono state danneggiate lasciando gli abitanti al buio e senza telefono. L’intera Val Martello risulta completamente isolata dal mondo esterno, attualmente sono circa 80 le persone coinvolte negli interventi di emergenza e di soccorso per tenere la situazione sotto controllo, è stato richiesto l'equipaggiamento adeguato al Corpo permanente dei vigili del fuoco di Bolzano.

 

 

“La valanga Eberhöfer – racconta il sindaco – nonostante i numerosi investimenti effettuati negli ultimi anni, si è staccata alle ore 8.33, partendo da un'altitudine di circa 2.400 metri e arrestandosi a quota 1.200 metri”.

 

Fortunatamente la slavina ha solo sfiorato il paese, anche se due case sono state parzialmente danneggiate ma comunque non si contano feriti. Il cono della valanga – riprende Eberhöfer – per quanto la visibilità lo permetteva, è stato controllato dalle forze di emergenza con cani e attrezzatura Reco, tutte le famiglie sono state interpellate per escludere la presenza di persone scomparse o disperse”.

 

Una ventina di abitanti ospitati presso la palestra del centro civico è stata evacuata, stessa sorte per gli occupanti delle case situate nella zona di maggior pericolo. Il rifugio di emergenza allestito della Croce Bianca che offrirà ospitalità sino al termine della situazione di allarme. Alle 9.28, inoltre, una seconda valanga è scesa verso valle sul lato destro orografico nella frazione di Transacqua (Ennewasser). Nessuna persona e nessun edificio risultano coinvolti.

 


 

“In alta montagna si sono accumulati circa 2 metri di neve fresca – spiega il sindaco – e già venerdì scorso sono state chiuse le strade dopo aver attivato la Centrale di protezione civile comunale e la commissione di protezione dalle valanghe”.

 

Sempre venerdì sera vi è stata un'interruzione della fornitura di energia elettrica che è stata ripristinata sabato mattina dal gestore Edyna, e sempre nella mattinata di sabato un elicottero della Protezione civile provinciale ha sorvolato la zona per una ricognizione della situazione. “Le enormi quantità di neve e i molti alberi che bloccano le strade di accesso ci hanno spinto ha tenere riunioni quasi ogni ora – prosegue Georg Altstätter – con organizzazioni di soccorso, vigili del fuoco volontari, servizio strade e carabinieri”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 January - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato