Contenuto sponsorizzato

A caccia degli anticorpi: da mercoledì 27 maggio al via l'indagine di sieroprevalenza nazionale, 4200 i trentini coinvolti

Da mercoledì 27 maggio partirà l'indagine di sieroprevalenza nazionale, in cui anche 4200 trentini saranno coinvolti per determinare la diffusione degli anticorpi nella popolazione. Il campione verrà contattato con un numero di un call center a partire da lunedì 25 maggio

Pubblicato il - 25 maggio 2020 - 18:25

TRENTO. Annunciato a metà mese dalle autorità politiche centrali e locali, da oggi anche in Trentino partiranno le indagini di sieroprevalenza nazionale. Promossa dal ministero della Salute e da Istat con la collaborazione di Regioni, Province autonome e Croce rossa italiana, l'iniziativa coinvolgerà 150mila cittadini in tutto il Paese, 4200 dei quali residenti in 48 Comuni trentini, cercando di rilevare la presenza di anticorpi anti-Sars-Cov2 in un campione rappresentativo della popolazione.

 

L'obiettivo dello studio, pertanto, sarà quello di determinare quante persone nel nostro Paese abbiano sviluppato gli anticorpi al nuovo Coronavirus, anche in assenza di sintomi. I partecipanti verranno estratti a campione dall'elenco Istat, secondo precisi criteri statistici.

 

Perciò, da lunedì 25 maggio 2020 saranno gli operatori della Croce rossa italiana del Comitato provinciale di Trento a contattare telefonicamente le persone interessate dallo studio, raccogliendo la loro adesione e fissando l'appuntamento per il prelievo del sangue. Grazie all'indagine si potrà definire meglio la risposta anticorporale al virus nel Paese, il tutto a seconda di aree geografiche, età, sesso e settore di attività economica.

 

A chi deciderà di partecipare si chiede di compilare un questionario, con il prelievo che potrà avvenire anche a domicilio qualora il soggetto fosse fragile o vulnerabile, o, a partire da mercoledì 27 maggio, nei quattro centri prelievi dell'Azienda sanitaria provinciale (Centro per i servizi sanitari e Poliambulatorio Crosina di Trento, Poliambulatorio di Riva del Garda e Distretto sanitario di Pergine Valsugana) e nei 19 punti prelievo allestiti dalla Croce Rossa.

 

Se il test seriologico darà esito positivo e rileverà la presenza di anticorpi (dunque l'avvenuto contatto con il virus), i cittadini verranno a quel punto contattati dall'Igiene pubblica di Apss per l'esecuzione del tampone, da effettuare nei “drive through” della provincia. L'indagine in Trentino si concluderà entro i primi dieci giorni di giugno.

 

I Comuni trentini coinvolti nell'indagine sono: Ala, Altopiano della Vigolana, Andalo, Arco, Avio, Baselga di Pinè, Borgo Valsugana, Caldonazzo, Calliano, Castel Ivano, Cavalese, Cembra Lisignago, Cles, Dimaro Folgarida, Fai della Paganella, Fierozzo, Folgaria, Lavarone, Lavis, Ledro, Levico Terme, Mezzocorona, Mezzolombardo, Moena, Mori, Nago-Torbole, Novella, Panchià, Pergine Valsugana, Pomarolo, Predaia, Primiero San Martino di Castrozza, Rabbi, Riva del Garda, Roverè della Luna, Rovereto, San Michele all’Adige, Scurelle, Sella Giudicarie, Storo, Strembo, Terre d’Adige, Torcegno, Trambileno, Trento, Vallarsa, Vermiglio, Volano.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 luglio - 20:06

C’è sconcerto tra i segretari di Cgil, Cisl e Uil che, durante l’audizione in prima commissione del Consiglio provinciale, hanno appreso che la manovra di fatto prevede tagli al bilancio provinciale per 100 milioni di euro sul 2020 e per 200 milioni di euro sul 2021

12 luglio - 18:02

Il totale sul territorio resta così a 5.503 casi e 470 morti da inizio epidemia. La Pat: "Rispetto a ieri migliorano decisamente i dati riferiti al contagio a Covid-19 in Trentino". In Alto Adige sono stati registrati 5 casi di nuova positività

12 luglio - 20:24
Entrambi i veicoli stavano viaggiando in direzione Trento, quando la vettura ha svoltato all'altezza del distributore e lavaggio. Proprio in quel momento però la moto era in manovra di sorpasso e l'impatto è stato inevitabile
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato