Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, partono i test sierologici nei 5 Comuni ''attenzionati'' a un mese dall'annuncio: ''Consentirà di capire quali azioni di sanità pubblica intraprendere per contenere l’epidemia''

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari spiega, infatti, che questi test non portano alla "patente di immunità" al Covid-19 ma forniscono dati epidemiologici importanti per ricostruire a posteriori l’andamento del contagio e capire meglio l’evoluzione futura

Di L.A. - 05 May 2020 - 17:49

TRENTO. A un mese dall'annuncio sono iniziati i test sierologici nei 5 Comuni "attenzionati", cioè Campitello di Fassa e Pieve di Bono-Prezzo, Vermiglio, Canazei e Borgo Chiese (Qui articolo).

 

"Abbiamo proposto alla popolazione dei cinque comuni trentini – spiega Paolo Bordondirettore generale di Apss – di partecipare su base volontaria a questa indagine epidemiologica attraverso i test sierologici che consentirà di capire quali azioni di sanità pubblica intraprendere per contenere l’epidemia. Voglio evidenziare che il test sierologico non ha carattere diagnostico e non va interpretato come una 'patente di immunità' al Covid-19; andranno sempre rispettate le misure precauzionali come il lavaggio frequente delle mani, il distanziamento sociale e l’uso delle mascherine".

 

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari spiega, infatti, che questi test non portano alla "patente di immunità" al Covid-19 ma forniscono dati epidemiologici importanti per ricostruire a posteriori l’andamento del contagio e capire meglio l’evoluzione futura.

 

Questa mattina, martedì 5 maggio, a Campitello di Fassa sono stati effettuati i primi prelievi per i test sierologici sulla popolazione dei cinque Comuni trentini maggiormente colpiti dal coronavirus: attraverso un prelievo del sangue sarà possibile rilevare l’eventuale contatto con il virus Sars-CoV2.

 

Il 6 maggio partiranno i test a Pieve di Bono-Prezzo e Vermiglio, il 7 maggio a Canazei e la settimana dell’11 maggio a Borgo Chiese. I prelievi richiedono tra i 2 e i 3 giorni per ciascun Comune, in base al numero di abitanti e alle persone che hanno aderito all’indagine.

 

L’adesione della popolazione è stata volontaria e in totale saranno coinvolte circa 7.200 persone. Il progetto di sorveglianza attiva è stato avviato dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con la Provincia di Trento e la supervisione dell’Istituto superiore di sanità, che avrà il compito di analizzare i campioni raccolti. 

 

L'Apss conferma che nello studio è stata coinvolta la popolazione dei cinque Comuni del territorio in cui è stata evidenziata una più alta prevalenza di infezioni da Covid-19 dall’inizio della pandemia. I Comuni coinvolti hanno tutti una prevalenza di positivi superiore al 2% (al 31 marzo): Borgo Chiese (2,83%), Campitello di Fassa (3,23%), Canazei (3,34%), Pieve di Bono-Prezzo (2,21%) e Vermiglio (2,56%).

 

L’adesione all’indagine è stata volontaria e i cittadini coinvolti hanno compilato anche un questionario che consentirà di evidenziare la presenza di sintomi riconducibili al Covid-19 nell’ultimo mese. In questi casi verrà effettuato anche il tampone nasofaringeo.  

 

L’obiettivo principale dello studio è quindi quello di stimare la presenza di anticorpi anti Sars-CoV2 nella popolazione di tutte le età ad eccezione dei bambini sotto i 10 anni nell’intera area coinvolta, per Comune, per età e per sesso. Obiettivo secondario è testare, in un campione di popolazione, la concordanza dei risultati sierologici con quelli effettuati sui tamponi di pazienti con sintomi. Infine, lo studio prevede la possibilità di effettuare un secondo prelievo a distanza di tempo che permetterà di fare ulteriori valutazioni relativamente ai comportamenti degli anticorpi contro Sars-CoV2. 

 

"Ho voluto essere presente – commenta Maurizio Fugatti, presidente della Provincia – per vedere di persona questa prima sperimentazione. E' un'opportunità per raccogliere, su base volontaria e attraverso un test certificato dall'Istituto superiore di sanità, informazioni molto utili. Oggi ho visto un afflusso di persone importante ma anche regolare e organizzato in modo da rispettare le distanze e quindi essere affrontato in sicurezza. Anche questo era un fattore centrale in questa operazione". 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
19 aprile - 18:35
L'incontro tra il plantigrado e l'escursionista, documentato da un video pubblicato da quest'ultimo su Facebook, è avvenuto ieri fra i boschi [...]
Cronaca
19 aprile - 17:46
L'allerta è scattata alle porte del centro abitato Spormaggiore. In azione ambulanza, elicottero, vigili del fuoco di zona e forze dell'ordine. La [...]
Cronaca
19 aprile - 16:22
Sono stati analizzati 636 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 5 casi tra over 60 e 3 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare, ci sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato