Contenuto sponsorizzato

Test sierologici, Ala fra i primi 48 comuni trentini coinvolti nell’indagine: sarà la Croce Rossa a contattare i cittadini selezionati

In questi giorni sono stati contattati telefonicamente dalla Croce Rossa i primi utenti scelti nel campione rappresentativo per l'indagine Istat: “Tra la popolazione si è diffusa la convinzione che ogni privato cittadino possa prenotarsi, ma non è così. Saremo noi a chiamarvi”

Di Tiziano Grottolo - 27 maggio 2020 - 11:18

TRENTO. Il comune di Ala sarà fra i primi a far partire l'indagine nazionale di sieroprevalenza, l’amministrazione lagarina infatti rientra nei 48 comuni trentini selezionati dall’Istat e già a partire dalla prossima domenica, 31 maggio, ospiterà la prima tornata di prelievi per le persone scelte nel campione residenti ad Ala, Avio e Mori. La sede prescelta per questa operazione la scuola media in via Anzelini, ad Ala, che sarà il punto prelievi per la Bassa Vallagarina. Qui dovranno recarsi anche i residenti di Avio e Mori. In totale per la Bassa Vallagarina il campione è di 173 persone.

 

In questi giorni sono stati contattati telefonicamente dalla Croce Rossa i primi utenti scelti nel campione rappresentativo per l'indagine. Il Ministero della Salute, in collaborazione con Istat, Istituto Superiore di Sanità e Istituto Spallanzani ha deciso un'indagine di sieroprevalenza per misurare l'estensione dell'infezione di Sars-Cov2, cioè capire quante persone in Italia sono venute a contatto con il virus. È stato fatto un campione rappresentativo della popolazione per età, residenza e occupazione: alle persone scelte verrà fatto un questionario telefonico e saranno poi invitate ad un prelievo del sangue, per verificare la presenza o meno di anticorpi al coronavirus Covid-19.

 

In questi giorni non sono mancati i contrattempi, come spiega la Croce Rossa, in questo caso “vittima” di mala informazione: “A causa di alcune notizie prive di fondamento divulgate da alcuni media e sui social, tra la popolazione si è diffusa la convinzione che ogni privato cittadino possa prenotarsi per essere sottoposto all'indagine sierologica attualmente in atto su tutto il territorio nazionale”. Il flusso di telefonate ed email è stato tale da provocare un rallentamento nel lavoro dei volontari impegnati al call-center.

 

“L'indagine attivata dall'Istat – sottolinea la Cri – si basa su campioni di popolazione statisticamente rappresentativi che non possono essere modificati e in queste ore gli addetti al call center stanno contattando i cittadini indicati dall'Istituto di statistica che appaiono su un portale nazionale”. Il numero attraverso cui si verrà contattai è lo 06.5510, a questo recapito si potrà dunque rispondere con fiducia senza timore che possa trattarsi di una truffa telefonica. Come anticipato, domenica 31 maggio si terrà la prima tornata di prelievi, dalle 7 alle 9, per i primi 40 utenti. La seconda tornata si terrà la domenica successiva, 7 giugno, con i restanti 133 selezionati. I campioni verranno analizzati dall'azienda sanitaria provinciale, gli interessati saranno informati dell'esito. Qualora venissero riscontrati degli anticorpi, i soggetti in questione dovranno sottoporsi a tampone, per verificare un'eventuale contagiosità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 04:01

Quella vissuta da una madre e un figlio trentini è una storia che ha accomunato molti cittadini, abbandonati a sé stessi nell'isolamento da Coronavirus e nella confusione di normative che continuano a cambiare. Chiusi in casa per un mese perché positivi al Covid, si sono dovuti arrangiare per poter finalmente tornare a lavorare

25 novembre - 20:07

C'è stato un vertice chiarificatore tra Europa verde, Sinistra italiana, Volt e èViva e il sindaco di Trento: "La transizione ecologica?". Ianeselli: "Il programma verrà rispettato e tutte le forze politiche sono utili e importanti"

26 novembre - 08:05

E' stato per circa 30 anni parroco a San Martino a Trento e per tantissimi anni ha celebrato la tradizionale benedizione dei motocilisti provenienti da ogni parti del nord Italia 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato