Contenuto sponsorizzato

A Trento e Rovereto affollamento in stazione e durante l'attesa degli autobus. Gli utenti: ''Situazione pessima''

Le foto inviate a ildolomiti.it da parte di alcuni utenti mostrano situazioni a rischio contagio. In nessun caso viene rispettato il metro di distanza fisica. "Dovrebbero aggiungere carrozze ai treni ed invece pensano di aumentare i pullman che rimangono poi vuoti" 

Di G.Fin - 23 ottobre 2020 - 18:58

TRENTO. “La situazione sui treni è pessima” ma non solo. Basta vedere le immagini che alcuni utenti hanno inviato a ildolomiti.it per capire che è necessaria quanto prima una rivisitazione delle regole per i trasporti al fine di evitare contagi e contenere il coronavirus.

 

Da Rovereto a Trento, o viceversa, in treno è una sorta di corsa agli ostacoli. Qualcuno la deve fare ogni mattina e le lamentele a Trentino Trasporti, o comunque alla Provincia, non mancano.

 

Si inizia con l'arrivo in stazione e l'attesa nei binari. Sono ben in pochi quelli che cercano di rispettare le distanze di sicurezza. Il metro viene dimenticato e i pochi che se lo ricordano sono un continuo spostarsi. A destra, a sinistra, avanti e indietro tra sbuffi e perdite di pazienza.

 

In stazione i cartelli ci sono. Sono stati attaccati sulle vetrine, sugli scalini e accanto ai binari. Ma servono evidentemente ben a poco. Rispettare un metro di distanza da una persona all'altra per molti è difficile. Colpa degli utenti indisciplinati ma forse anche di chi dovrebbe pensare a maggiori corse. 

Ma la situazione non migliora di certo sui treni e soprattutto negli orari di punta. All'interno dei mezzi è obbligatorio indossare la mascherina e bene sarebbe anche osservare la distanza fisica tra un pendolare e l'altro. Le immagini inviate a ildolomiti.it mostrano, ancora una volta, invece, che questo non avviene. Non vi è un adeguato controllo affinché siano rispettate le regole e tutto viene lasciato solamente al senso civico delle persone.

“Il problema sta nel fatto che per i treni di punta usati perlopiù da pendolari invece di aggiungere vagoni vista la massa di ragazzi che ci sono hanno pensato di mettere a disposizione dei pullman. Ma alla fine questi rimangono vuoti” ci spiega una utente che da Rovereto è arrivata a Trento.

 

Proprio ieri la Provincia ha annunciato di voler abbassare la capienza dei mezzi di trasporto e per quanto riguarda le tratte ferroviarie si starebbe pensando ad un potenziamento della linea Trento-Rovereto anche via autostrada per raggiungere una capienza del 70% dei posti disponibili. (Qui l'articolo)

Ma i problemi come si può ben vedere dalle foto ci sono anche in stazione. All'arrivo dei treni il passaggio dai binari all'uscita è un unico agglomerato di persone che si sposta. Stessa situazione anche per quanto riguarda l'attesa degli autobus. Alle fermata la distanza di un metro non viene rispettata. Con buona pace delle regole. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

30 novembre - 19:11

In Trentino c'è l'associazione Ama che grazie ai gruppi di auto mutuo aiuto è un sostegno fondamentale per tante famiglie. Qui la testimonianza di una famiglia letta per Ama da Giacomo Anderle

01 dicembre - 08:48

L'incendio a Levico è avvenuto nella zona di Quaere. Sulle cause sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine e non si esclude il dolo. Oltre cento vigili del fuoco sono stati impegnati, invece, per spegnere le fiamme che hanno avvolto un altro fienile a Curon 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato