Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, 20 nuovi contagi in Trentino. Fugatti: ''Numero importante ma casi circoscritti''. Sono 70 le persone in quarantena

Il focolaio di Rovereto legato alla ditta di trasporti e logistica Bartolini si sta allargando a seguito dei tamponi a tappeto che l'Apss sta eseguendo in questi giorni. I 16 positivi trovati con i primi 50 tamponi. Manca l'esito di altri circa 190 tamponi. Ferro: ''Grande disponibilità da parte dell'azienda. Nella notte sanificata gli stabilimenti''

Di Luca Andreazza e Luca Pianesi - 22 luglio 2020 - 18:22

TRENTO. ''Si tratta di un numero importante certamente, ma sono fattispecie ben definite. Ben orientate dentro un canale chiaro e che quindi sono gestibili dalle nostre strutture". Così il presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti ha analizzato la giornata nera dal punto di vista dei dati, sull'andamento dell'epidemia da coronavirus in Trentino. Venti persone contagiate trovate in 24 ore sono un numero molto importante, che non si vedeva da settimane, e che evidenzia come quello di Rovereto sia un vero e proprio focolaio (16 dei positivi odierni sono nella Città della Quercia mentre gli altri 4 sono riconducibili a una famiglia del Kosovo residente a Pergine), fortunatamente già ben individuato e, da quel che riferiscono tecnici e politici, sotto controllo.

 

Quattro giorni fa i primi tre positivi trovati nel polo della logistica di Rovereto (QUI ARTICOLO) e così, come accaduto per la Bartolini di Bologna, in poche ore è apparso chiaro che il contagio era molto più esteso. Le autorità, come noto, hanno disposto l’isolamento per tutti i dipendenti della ditta in questione, lunedì sono stati effettuati 70 tamponi e tra ieri e oggi sono stati eseguiti i 69 per i lavoratori dei turni diurno e pomeridiano dei servizi di logistica e 50 per gli autisti dei servizi di trasporto.

 

''Dopo tanti giorni a casi zero - ha spiegato Pier Paolo Benetollo dell'Apss - colpisce questo numero ma era aspettato. Riusciamo a ricostruire e contenere i focolai. Abbiamo isolato il reparto e messo in quarantena le persone coinvolte, attivato l'indagine epidemiologica e proceduto con i tamponi. E così sono stati individuati i 16 casi positivi''.

 

Ma che la situazione non sia semplice lo spiega lo stesso Benetollo: ''Abbiamo attivato una squadra di 12 operatori dell'Apss sul posto coordinati da Ferro per avere il massimo livello di attenzione''. Al momento ci sono 70 persone in isolamento. I 16 positivi sono stati trovati con i primi 50 tamponi effettuati il 20 luglio e già analizzati, altri 117 sono stati fatti il 21 luglio e sono previsti altri 60 tamponi tra oggi, domani e dopodomani appena contattano padroncini (qui mancano esiti, circa 180 a occhio).

 

''Abbiamo trovato un ampia disponibilità da parte della ditta di logistica coinvolta - ha aggiunto Ferro - per capire quale era il percorso del virus all'interno della ditta e le misure da adottare. Questa notte, poi, è scattata la disinfezione in tutta l'azienda. E tra le altre misura di sanità pubblica è stata attivata ogni forma di rintracciamento e di isolamento dei familiari e dei contatti stretti dei positivi e di quelli che hanno lavorato nel turno notturno che sono una quarantina. L'isolamento è molto importante per verificare se nei prossimi 14 giorni compariranno i sintomi''.

 

Al momento dei 20 trovati positivi oggi ben 19 sono gli asintomatici dunque si rivela ancora una volta importantissima l'attività di indagine epidemiologica per evitare che esplodano ulteriori focolai collegati a quelli già evidenziati. Il totale sale a 5.533 casi e resta a 470 decessi con Covid-19 da inizio epidemia. Tra i ricoveri degli scorsi giorni anche una donna di passaggio in Trentino, che ha partorito con quindici giorni di anticipo e che è risultata contagiata (Qui articolo). Quello di Rovereto, tra l'altro, è il secondo focolaio dopo quello che era scoppiato qualche settimana fa a Predazzo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:19

Se Riva pare la piazza più in bilico dove la destra potrebbe tentare il colpo forte anche dell'alleanza con i civici di Malfer e il Patt locale, quello provinciale ricorda ai suoi elettori da che parte sta l'Autonomia. Intanto anche le Sardine tornano a farsi sentire (giovedì a Riva alle 17 ci sarà un flash mob) ben consce del fatto che anche nelle piazze dove qualcuno poteva sperare nel cambiamento il rischio di ritrovarsi con la Lega del Trentino (e non quella di Zaia) al governo è troppo alto 

29 settembre - 17:44

L'approfondimento tecnico si è concluso, forse proprio quando è arrivato anche il ricorso del Codacons. L'associazione per la difesa dell'ambiente e tutela dei diritti di utenti e consumatori ha presentato al Tar di Trento, tramite l'avvocato Zero Perinelli, un ricorso contro la norma provinciale. La Pat: "Evitare disparità di trattamento tra gli esercizi commerciali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato