Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, 217 nuovi positivi e 6 decessi nel Bellunese. Ancora alta la pressione sugli ospedali

La situazione Coronavirus nel Bellunese continua a preoccupare. Sono 217 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore, facendo salire la quota di attualmente contagiati a 4769. Tanti, ancora, i decessi: sono 6. Il grande afflusso di pazienti Covid ha spinto l'Ulss Dolomiti 1 a attivare ulteriori posti letto all'ospedale di Feltre

Di Davide Leveghi - 04 December 2020 - 10:20

BELLUNO. Sono 217 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore in provincia di Belluno. Un numero decisamente alto rispetto ai giorni scorsi, in cui la curva pareva aver raggiunto una certa stabilità. Attualmente, in tutto il territorio provinciale i contagi sono 4769. Crescono ancora le vittime: sono 6 quelle registrate nelle ultime 24 ore in strutture di tutta la provincia.

 

Anche la pressione sugli ospedali, d'altronde, non sembra volersi allentare. Attualmente sono ricoverate 125 persone nei reparti di area non critica (61 a Belluno, 55 a Feltre e 9 a Agordo), 54 negli ospedali di comunità (8 a Agordo, 4 a Alano, 10 a Auronzo, 19 a Belluno e 13 a Feltre) e 10 nei reparti di terapia intensiva (divisi equamente fra il San Martino di Belluno e il Santa Maria del Prato di Feltre).

 

Le persone positive al Covid decedute, come detto, sono state 6. Si tratta di un uomo di 83 anni e di una donna di 68 ricoverati in rianimazione a Belluno, di una donna di 83 anni ricoverata all'ospedale di Agordo, di un uomo di 82 ricoverato in ospedale di comunità a Feltre, di una donna di 74 anni ricoverata in pneumologia a Feltre e di un 75enne ricoverato in geriatria Covid a Feltre.

 

Nonostante l'emergenza, comunica l'Ulss Dolomiti 1, nell'ospedale San Martino di Belluno si è dato avvio alla graduale riattivazione dei ricoveri per pazienti Covid negativi nel reparto di medicina. Diversa la situazione a Feltre, dove il grande numero di ospedalizzati positivi al virus ha spinto all'attivazione di ulteriori posti letto dedicati proprio ai contagiati.

 

Nella giornata di giovedì, il sindaco di Longarone (e presidente della provincia di Belluno) Roberto Padrin aveva annunciato la sospensione delle attività scolastiche in tutto l'istituto comprensivo a causa dei troppi contagi registrati nel Comune. “Decisione sofferta ma a tutela della comunità”, aveva scritto in una comunicazione via social. Secondo l'aggiornamento offerto dallo stesso primo cittadino, la crescita dei contagi registrata nel territorio comunale ha portato al raggiungimento attualmente di “quota 98”.

 

Più incoraggiante, invece, la situazione a Auronzo di Cadore, al centro domenica 29 novembre di uno screening mirato sulle fasce d'età più colpite, dai 41 ai 65 anni. “Stiamo finalmente assistendo a un'inversione di tendenza – aveva scritto sui social la sindaca Tatiana Pais Becher nei giorni scorsi – cerchiamo di fare in modo che Auronzo possa tornare presto alla normalità per ripartire insieme. Mettere in sicurezza la comunità è fondamentale per noi auronzani, ma diventa importantissimo anche per poter accogliere i numerosi turisti e proprietari di seconde case che amano trascorrere le vacanze natalizie nel paese delle Tre Cime di Lavaredo”. Al test aveva partecipato solamente il 33% della popolazione target, di cui lo 0,8% era risultato positivo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 January - 11:04

L’uomo non è l’unico essere vivente a intrecciare relazioni con le altre specie, per esempio corvi e lupi possono collaborare fra loro con gli uccelli che indicano ai carnivori la presenza di prede o carcasse. Ma non solo perché alcuni corvi sono stati visti giocare con i cuccioli del branco

20 January - 16:21

L'ingresso di Fratelli d'Italia sulla scena politica trentina e regionale aveva fin da subito creato alcuni malumori nelle forze di maggioranza, soprattutto in quota Svp. L'ormai ex assessore aveva spiegato di essere pronto al passo indietro per non creare attriti in maggioranza. Oggi è stata formalizzata la decisione: "Non ho mai creduto alla 'carriera politica', ho sempre creduto alla libertà di fare politica"

20 January - 15:20

Il sindaco di Trento interviene per fare chiarezza sulla destinazione dei fondi raccolti e sul futuro del gregge: “Capiamo la delusione di chi avrebbe voluto tenere insieme, in Valle dei Mocheni, le capre di Agitu, ma la soluzione temporanea che è stata trovata mira proprio a tutelare gli animali. Stiamo elaborando un progetto capace di tener viva la memoria di Agitu e di farsi interprete del suo amore per gli animali e per il territorio”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato