Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, 113 nuovi casi nel Bellunese. Tre i decessi negli ospedali della provincia

Continuano a crescere i nuovi casi di Coronavirus in provincia di Belluno. Nelle ultime 24 ore sono ben 113 i contagi registrati, per un totale che così arriva a 1329 persone attualmente infette. Tanti, ancora, i decessi: sono 3, di cui 2 avvenuti nell'ospedale San Martino e 1 a Feltre

Pubblicato il - 27 ottobre 2020 - 09:38

BELLUNO. Tre decessi e 113 nuovi positivi. È questo il bilancio delle ultime 24 ore nel Bellunese, dove il contagio continua a segnare numeri importanti. Attualmente, nella provincia di Belluno, sono 1329 le persone positive, mentre negli ospedali il numero dei ricoverati prosegue nel suo andamento crescente.

 

Nelle strutture dell'Ulss Dolomiti, infatti, sono ricoverati 40 pazienti in area non critica e 2 in terapia intensiva nell'ospedale San Martino di Belluno, 18 in area non critica all'ospedale Santa Maria del Prato di Feltre, 4 all'ospedale di comunità di Alano e 13 ad un analogo di Feltre.

 

Il bilancio più duro nondimeno si trova sul fronte dei decessi. Sono 3 quelli registrati nelle ultime 24 ore. Nella serata di domenica 25 ottobre un paziente positivo al Covid di 90 anni, ricoverato in Malattie infettive a Belluno è deceduto. Nella mattinata di lunedì 26 ottobre, invece, è deceduto un 92enne ricoverato nello stesso reparto, sempre a Belluno, mentre un paziente Covid di 88 anni ricoverato in Pneumologia Covid a Feltre rimaneva anch'egli vittima del virus.

 

Ciononostante, in una situazione preoccupante, l'Ulss Dolomiti è riuscita a riattivare una serie di servizi sospesi temporaneamente per il Covid: tra questi l'attività di Chirurgia/Urologia dell'ospedale San Matino e i ricoveri al quinto piano di Medicina dell'ospedale di Feltre.

 

Tra i territori che preoccupano maggiormente per l'alto numero di contagi c'è quello di Cortina d'Ampezzo. Nella nota località turistica, come comunicato dal sindaco Gianpietro Ghedina, il numero di casi “è passato da 140 a 159”, con un incremento di 19 unità. “Le persone in quarantena (isolamento domiciliare) - continua – che hanno avuto un contatto stretto con i positivi sono 146”. L'aumento, secondo il primo cittadino ampezzano, sarebbe dovuto “in parte al numero considerevole di tamponi effettuati la scorsa settimana durante i tre drive in, in parte alla forte contagiosità del virus, che dopo i due focolai della Casa di Riposo e della Sportivi Ghiaccio, si è diffuso anche nell'ambito scolastico e familiare”.

 

Tra i contagiati, spiega ancora, “l'80% delle persone risulta essere asintomatico”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 18:28

Sono stati analizzati 740 tamponi, 176 i test risultati positivi. Molto alto il rapporto contagi/tamponi si attesta al 23,8%

30 novembre - 18:24

Il presidente della Provincia Maurizio Fugatti si è prestato per un'iniziativa benefica. Il suo volto, con tanto di citazioni dialettali tratte dalle conferenze stampa sul Covid, è stato stampato su delle magliette da un negozio di Trento, il cui ricavato sosterrà dei "regali in sospeso" per famiglie in difficoltà. Il web, nemmeno a dirlo, si è già scatenato

30 novembre - 15:44

Da Roma arriva il via libera per procedere con la fase 2 per la sperimentazione del vaccino contro il coronavirus dell'italiana Reithera. Tra il primo gruppo di volontari sani, tra 18 e 55 anni, che si sono sottoposti all'inoculazione c’è Mirian Fadelli: “Ho deciso di farlo perché credo fortemente nella scienza e nella medicina”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato