Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, 59 nuovi casi nel Bellunese. Il sindaco di Cortina: "Situazione che si va assestando. I focolai stanno rientrando"

Continuano a crescere i contagi nel Bellunese. Sono 59 le nuove positività in provincia, di cui 19 legati al focolaio nel triangolo Comelico-Cadore-Ampezzano. Ma il sindaco di Cortina Gianpietro Ghedina appare rassicurato: "I numeri si stanno assestando. Siamo passati da 135 a 132 contagi"

Pubblicato il - 21 October 2020 - 10:05

BELLUNO. “I numeri sembrerebbero assestarsi dopo il forte aumento del fine settimana scorso”. E' sollevato, anche se allarmato, il sindaco di Cortina d'Ampezzo Gianpietro Ghedina. I tanti casi registrati nella note località turistica avevano preoccupato non poco, visto anche il consistente numero di vittime avute nelle strutture per anziani della zona.

 

D'altronde è proprio il focolaio di Comelico-Cadore-Ampezzano a rappresentare l'elemento di maggior preoccupazione nel Bellunese, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 59 nuovi positivi, di cui appunto 19 afferenti al suddetto triangolo. A Cortina, centro particolarmente colpito nelle ultime settimane, la situazione pare tuttavia assestarsi. Così almeno sostiene il sindaco, che in un post su facebook spiega la situazione del paese.

 

“Cari concittadini – scrive – in questi due giorni il numero di positivi al Covid-19 nel territorio di Cortina d'Ampezzo è passato da 135 a 132 casi (-3). Le persone in quarantena (isolamento domiciliare), che hanno avuto contatto stretto con i positivi sono passati da 76 a 79 (+3). i numeri sembrerebbero assestarsi dopo il forte aumento del fine settimana scorso. Anche i due focolai, quello della Casa di Riposo e quello della Sportivi Ghiaccio, che sommati incidono per l'80% del totale dei positivi, pare stiano rientrando” (a Cortina si erano registrati un focolaio nella squadra di hockey e il parroco è risultato positivo).

 

Nonostante ciò, il Comune ha assunto nuove misure per frenare il contagio, limitando l'accesso agli uffici pubblici “da oggi (mercoledì 21 ottobre, ndA) fino a cessata emergenza”. Il tutto, come detto, in quadro complessivo che vede un numero stabile di nuovi positivi in tutta la provincia di Belluno. Sono 59 le positività, come detto. Negli ospedali dell'Ulss Dolomiti le persone ricoverate sono 33 in area non critica e 2 in terapia intensiva al San Martino di Belluno, 18 in area non critica al Santa Maria del Prato di Feltre e 6 all'ospedale di comunità di Alano.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 December - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 December - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 December - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato