Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, primo tasso di contagio in Trentino per Castello-Molina di Fiemme: ''Situazione circoscritta. E per fortuna nulla a che vedere con le ondate precedenti''

Il sindaco di Castello-Molina di Fiemme dopo gli ultimi casi: "Non saprei dire se questa diffusione del coronavirus possa essere attribuito alla coda della stagione estiva oppure alla ripresa delle attività, però il contagio sembra sia rientrando". E sui vaccini: "Prevalga interesse comunque. Percepisco, purtroppo, una certa tensione tra i due fronti: serve comunque rispetto reciproco"

Di Luca Andreazza - 27 September 2021 - 20:14

TRENTO. "I contagi riguardano alcuni nuclei familiari e la situazione appare circoscritta e sotto controllo". Così Marco Larger, sindaco di Castello-Molina di Fiemme. "Non saprei dire se questa diffusione del coronavirus sul nostro ambito territoriale possa essere attribuito alla coda della stagione estiva oppure alla ripresa delle attività, però il contagio sembra sia rientrando e speriamo di poter ritornare alla normalità". 

 

Dopo Trento e Rovereto, con rispettivamente 64 e 21 positivi attivi, il terzo valore assoluto di contagio più alto si registra a Castello-Molina di Fiemme. Una curva che si è alzata in queste ultime settimane: l'ultimo dato è di 16 casi (0,69% della popolazione, il tasso più alto in questo momento in Trentino. Se si considerano i numeri dall'inizio si sale al 13%). "Adesso sono un paio di giorni che non registriamo nuovi casi e questo è molto incoraggiante. La guardia - dice il primo cittadino - si è subito rialzata e percepisco un grande senso di responsabilità della popolazione nel rispettare le regole e prestare la massima attenzione".

 

Fortunatamente in questa fase dell'emergenza i numeri sono piuttosto contenuti ma comunque ci si trova ancora a dover fare i conti con l'epidemia. "Certo - prosegue Larger - fortunatamente nulla a che vedere con le ondate dell'autunno e della primavera. Dispiace naturalmente per i cittadini positivi che sono in quarantena: si tratta di alcuni nuclei e il virus sembra molto più veloce a propagarsi all'interno delle famiglie. Sono anche riuscito a sentire alcune persone e la malattia non sembra essere stata contratta in forma grave, sono prevalentemente senza sintomi e questo è molto importante".

 

L'appello delle autorità è quello di continuare a rispettare le regole ma anche di aderire alla campagna vaccinale, in particolare indecisi e ritardatari. "Ho fiducia nei concittadini - aggiunge Larger - deve prevalere la tutela e l'interesse del bene comune. E' importante fare un sacrificio se c'è questa possibilità di immunizzarsi per tornare alla normalità. Percepisco, purtroppo, anche una certa tensione tra amici e parenti sui due fronti pro vax e no vax: serve comunque rispetto reciproco e mi affido al buonsenso delle persone".

 

Il quadro epidemiologico nelle ultime 24 ore è rassicurante con appena 5 nuove infezioni (2 casi a Rovereto, 1 contagiato a Villa Lagarina e Brentonico, 1 caso non assegnato) sul territorio provinciale, ma purtroppo per il secondo giorno consecutivo è stato registrato un decesso: "Un 70enne non vaccinato" (Qui articolo). Sostanzialmente stabile la situazione negli ospedali: 22 persone ricoverate di cui 2 pazienti in terapia intensiva. 

 

Campagna vaccinale in Trentino. Sono 735.898 le dosi somministrate in Trentino di cui 340.478 sono seconde dosi. Ai cittadini over 80 sono state somministrate 67.996, mentre alla fascia 70-79 anni somministrate 91.878 dosi e 110.169 dosi tra 60-69 anni.

 

Sono state registrate 36 guarigioni: 10 guariti a Trento; 6 guarigioni a Cles; 3 guariti a Rovereto e Terre d'Adige; 2 guarigioni a Riva del Garda e Imer; 1 guarito a Castello-Molina, Mori, Primiero San Martino di Castrozza, Mezzolombardo, Borgo d'Anaunia, Avio e Malè. Nella piattaforma provinciale non sono state assegnate a qualche territorio 3 guarigioni.

 

Sono 66 i Comuni con almeno 1 attuale positività. In questa fase dell'emergenza Covid ci si attesta a 340 casi: 64 infezioni a Trento; 21 contagiati a Rovereto; 16 infezioni a Castello-Molina di Fiemme; 15 contagiati a Riva del Garda; 10 positivi a Cles e Ville d'Anaunia. 

 

Si aggiungono 8 casi a Mori e Altopiano della Vigolana; 7 infezioni a Primiero San Martino di Castrozza e Pergine Valsugana; 6 positivi a Lavis; 5 contagi a Terre d'Adige, Imer, Borgo Valsugana, Levico Terme e Cavalese; 4 casi a Villa Lagarina, Ledro, Dro, Roverè della Luna, Calceranica e Caldes.

 

Poi 3 positivi a Ala, San Michele all'Adige, San Giovanni di Fassa, Ziano di Fiemme, Moena, Nogaredo, Porte di Rendena, Contà, Mezzano e Ospedaletto. Sono invece 2 i contagi a Arco, Mezzocorona, Baselga di Pinè, Predaia, Storo, Cavedine, Cembra Lisignago, Volano, Dimaro Folgarida, Nago-Torbole, Canal San Bovo e Bondone.

 

Un positivo a Mezzolombardo, Borgo d'Anaunia, Brentonico, Predazzo, Tesero, Vallelaghi, Caldonazzo, Tione, Ville di Fiemme, Besenello, Novella, Comano Terme, Bedollo, Isera, Scurelle, Tenno, Sant'Orsola Terme, Pellizzano, Novaledo, San Lorenzo Dorsino, Rumo e Samone. Sono 48.900 casi e 1.437 decessi in Trentino per coronavirus da inizio epidemia, sono 47.123 i guariti da inizio emergenza.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 ottobre - 19:35
Il problema dell'anomala usura delle ruote dei treni sulla linea della Valsugana riscontrato circa 2 mesi fa si è risolto da solo. Roberto [...]
Cronaca
26 ottobre - 20:01
Trovati 56 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 14 guarigioni. Sono 13 i pazienti in ospedale, di cui 2 ricoverati in terapia [...]
Politica
26 ottobre - 18:51
La proposta dell’impresa Mak, le rassicurazioni di Fugatti smentite da vecchie mail, sono tanti i dubbi attorno al progetto per il nuovo ospedale [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato