Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, con i 257 contagi in una settimana Trentino territorio più ''rosso'' d'Italia

La Fondazione Gimbe ha aggiornato le sue tabelle che mostrano il numero di positivi per 100.000 abitanti e l'incremento percentuale di nuovi casi. Pesano i contagi  legati al focolaio delle carni anche se ieri, fortunatamente, i dati si sono fortemente abbassati (solo 3 contagi a fronte di quasi 600 tamponi)

Di Luca Pianesi - 09 settembre 2020 - 19:45

TRENTO. E' la Provincia di Trento il territorio più ''rosso'' d'Italia per la Fondazione Gimbe. L’organizzazione indipendente che dal 1996 promuove l’integrazione delle migliori evidenze scientifiche e che è stata assunta come punto di riferimento per quanto riguarda l'analisi dei dati sull'epidemia da coronavirus dalle principali testate e media italiani, ha analizzato sia la prevalenza che l'incremento percentuale dei casi e la Provincia di Trento resta (perché quella è stata la sua posizione praticamente dall'inizio dell'epidemia se si eccettua la fase in cui la Pat, dal 4 maggio fino a metà giugno, aveva deciso di comunicare i dati sbagliati a livello nazionale inserendo tra ''tutti i positivi'' solo quelli con sintomi a 5 giorni diventando all'improvviso il territorio con la minor crescita del contagio in Italia) nella zona più complicata quella con più contagi ogni 100.000 abitanti.

 

A pesare, sicuramente, su questi dati che, di fatto mostrano come in proporzione alla popolazione il contagio in Trentino si sia esteso più che in altri territori, sono sicuramente i nuovi dati dell'ultima settimana. Una settimana dai numeri altissimi (dal 31 agosto al 7 settembre i positivi sono stati in totale 257) gonfiati dal focolaio esploso nel settore della macellazione della carne e partito dalla Furlani Carni di Trento. In questo modo la Provincia di Trento è riuscita a staccare anche gli altri territori nazionali che storicamente presentavano le più grosse ''criticità'' dal punto di vista della diffusione del Covid-19 quali la Liguria e il Veneto (che sono assieme a Trento nel riquadro rosso).

 

Sono sul livello trentino di prevalenza (il numero di casi ogni 100.000 abitanti) anche la Lombardia e la Valle d'Aosta che però hanno un minor incremento percentuale di nuovi casi e quindi scendono nel riquadro giallo. In percentuale rispetto ai contagi passati (che erano stati molto minori di quelli del Nord Italia) l'incremento maggiore di positivi si registra in Sicilia, Calabria, Lazio, Puglia, Basilicata che, però, restano nel riquadro rosa e destano meno preoccupazione dei tre territori da riquadro rosso proprio per un inferiore livello di contagio generale. Insomma il livello di attenzione resta molto alto in quadro nazionale di crescita del contagio e di un aumento delle persone ricoverate in terapia intensiva (il 25 luglio erano 41 in Italia e lunedì erano saliti a 142).

 

Tra pochi giorni ripartirà la scuola e sarà il vero banco di prova per vedere se il sistema terrà o ci sarà un ulteriore riacutizzarsi dell'epidemia. Lunedì tra i positivi era stato rilevato anche un bambino di Pergine che frequentava l'asilo nido. Subito sono scattate le procedure di isolamento per i suoi cinque compagni e conseguente tampone per verificare se tra di loro vi dovesse essere qualche altro positivo. Quel che dovrebbe accadere anche nelle settimane a venire su più larga scala se i contagi dovessero registrarsi all'interno delle scuole. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 13:50

Bocciato uno dei provvedimenti bandiera della Giunta Fugatti, il tribunale condanna Pat e Comune di Trento a disapplicale la norma sulle case Itea. Gli avvocati: “Per il Trentino è un primo passo molto importante per rimuovere le norme introdotte dalla Provincia negli ultimi anni in materia di welfare che hanno determinato effetti gravissimi di esclusione in danno degli stranieri”

29 settembre - 13:19

La rabbia dello studente che è stato sanzionato: "Prima si incentiva la micro-mobilità e si spingono i giovani ad investire in un futuro più sostenibile, ma poi si multa uno studente per l’utilizzo di un mezzo elettrico per spostamenti in città". Lo skateboard è stato parificato ad un ciclomotore e il ragazzo è stato multato per mancanza di targa, libretto di circolazione, assicurazione, mancato uso di casco e conduzione sul marciapiede

29 settembre - 12:45

Paolo Zanollo, delegato del Wwf per il Garda e sub: "In appena 200 metri di spiaggia ne abbiamo raccolte ben 30”. Rifiuti trovati anche nei canneti, preziosi ecosistemi di filtro naturale nel lago

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato