Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, coppia di Rovereto fermata a Vezzano (''volevamo uscire'') e due ragazzi a Mattarello (''cerchiamo un amico'' ma non ricordano come si chiama e il suo indirizzo)

Continuano i controlli dei carabinieri sul territorio provinciale per far rispettare le regole che servono ad evitare che l'epidemia si espanda. Ogni giorno vengono fatte tra le 40 e le 80 multe. Fermata anche una donna sulla Gardesana che ha spiegato che stava tornando a a casa sua in Alto Adige

Pubblicato il - 10 aprile 2020 - 10:49

TRENTO. Ogni giorno la media delle multe oscilla tra le 40 e le 80 in provincia di Trento, per quanto riguarda i controlli dell'Arma dei carabinieri e anche in questi giorni in alcuni casi, sono emerse le giustificazioni più incredibili. Per esempio una coppia di Rovereto è stata fermata a Vezzano e alla domanda dei militari su cosa stessero facendo così lontano da casa la risposta è stata un semplice ''desiderio di uscire''.

 

Il comando provinciale dei carabinieri, che prosegue ogni giorno con migliaia di controlli (comprese le verifiche alle aziende necessariamente aperte e quelle ad esse funzionali) grazie alle oltre cento pattuglie che operano sul territorio trentino, ha quindi sorpreso un giovane di Candriai a Lavis mentre puliva la sua auto e, ancora, due ragazzi, uno marchigiano e uno veneto, a Mattarello che al fermo della ''gazzella'' hanno spiegato che stavano cercando un amico che doveva essere nella zona ma del quale non ricordavano più l'indirizzo. E alla richiesta del ''nome e cognome'' di questo fantomatico amico, per compiere le opportune verifiche sulla veridicità di quanto i due stavano dichiarando, la risposta è stata, di nuovo, ''non lo ricordiamo''.

 

Sono stati, poi, fermati due giovani di Trento che pensavano di usare il Taxi per eludere i controlli ma, una volta fermati, sono stati trovati anche in possesso di una modesta quantità di sostanza stupefacente. Infine è stata controllata una donna, originaria della Germania, fermata mentre percorreva la Gardesana direzione nord. Anche in questo caso alla domanda dei carabinieri la risposta è stata tutt'altro che una delle giustificazioni accettabili (motivi di salute, lavoro, o situazioni di estrema necessità tra le quali fare la spesa nel supermercato più vicino): ha detto infatti che stava tornando a casa sua in Alto Adige.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 19:56

Sono stati, purtroppo, comunicati 3 decessi tra Trento, Baselga di Pinè e Ville d'Anaunia: 17 morti in 13 giorni e 18 vittime in questa seconda ondata di Covid-19. Il bilancio complessivo è di 7.649 casi e 488 decessi in Trentino da inizio emergenza

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

22 ottobre - 18:07
Sono stati analizzati 1.231 tamponi, tutti letti dal laboratorio di microbiologia dell'ospedale Santa Chiara di Trento, 153 i test positivi. Il rapporto contagi/tamponi si alza a 12,4%. E' stata sospesa l'attività di verifica tamponi ai laboratori della Fondazione Mach a causa dell'infezione che è arrivata nella struttura di San Michele
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato