Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, dalle ciclabili per andare al lavoro, ai baby sitter, dal jogging agli orti e alla raccolta della legna: ecco cosa cambia (e come) tra dpcm e ordinanza

Questa mattina si è tenuto un incontro in videoconferenza tra le forze dell'ordine e a quanto riferisce la polizia Alto Garda e Ledro sono emerse nuove disposizioni: tra queste ''anche ai bar è consentito ora il servizio a domicilio di panini e pasti pronti purché l'autorizzazione posseduta sia per bevande ed alimenti'' e viene specificato che ''l'attività motoria consentita è solo quella effettuata nei pressi dell'abitazione. Solo ed esclusivamente camminata. Lo jogging non è consentito''

Pubblicato il - 15 aprile 2020 - 14:15

TRENTO. ''La bicicletta non può essere utilizzata per lo sport o per il cicloturismo ma solo per gli spostamenti collegati alle attività consentite. La pista ciclabile può essere utilizzata per recarsi al lavoro''. Lo specifica la polizia locale Alto Garda e Ledro che questa mattina ha partecipato al video meeting interforze (con questura, carabinieri, polizie locali, protezione Civile, 118) per fare il punto della situazione rispetto ad alcuni quesiti già emersi in seguito al nuovo Dpcm del 10/04/2020 e all'ordinanza del presidente della Provincia Autonoma di Trento del 13/04/2020.

 

Sono otto i quesiti ai quali danno risposta le forze dell'ordine e questo è quanto: si va dall'attività motoria al jogging, dagli orti, alle biciclette, dall'utilizzo di baby sitter o nonni per i minori, alle attività dei bar e dei fiorai, per arrivare all'utilizzo di giardinieri professionali e alla raccolta della legna.

 

Ecco, quindi, quanto condivide la polizia locale dell'Alto Garda e Ledro:

 

1. Attività motoria, jogging, sport, biciclette, piste ciclabili.
L'attività motoria consentita è solo quella effettuata nei pressi dell'abitazione. Solo ed esclusivamente camminata. Lo jogging non è consentito. La bicicletta non può essere utilizzata per lo sport o per il cicloturismo ma solo per gli spostamenti collegati alle attività consentite. La pista ciclabile può essere utilizzata per recarsi al lavoro.

 

2. Minori e lavoro agile.
La gestione dei minori durante lo smart working (con genitore a casa per il telelavoro) attraverso parentele o altre situazioni (baby sitter), a parte eccezioni valutabili caso per caso direttamente dagli organi competenti, non è consentita.

 

3. Legna nei boschi.
Il privato non può andare a fare legna nel bosco, non fosse altro per il rischio di dover ulteriormente impegnare i soccorsi in un momento nel quale il sistema sanitario è già sotto estrema pressione. Il privato può comunque "fare la legna" se tale attività si svolge in prossimità della propria abitazione e qualora sia l'unico combustibile utilizzabile per la propria casa. Chi invece ha partita iva ed attività professionale è ammesso a compiere tali operazioni.

 

4. Vendita al dettaglio di piante fiori e semi.
Chi vuole rifornirsi lo può fare solo attraverso la consegna a domicilio. Chi ha partita iva invece è ammesso all'acquisto presso il vivaio.

 

5. Orti, campagne.
Si può ora accedere al proprio orto che deve trovarsi nel proprio comune, indipendentemente dalla distanza, dalla grandezza dell'orto, o della voce merceologica prodotta (verdure, patate, olivi, ecc.) purché sia a conduzione famigliare e ci sia spazio sufficiente al distanziamento tra le persone durante l'esecuzione dei lavori al fine di contenere la diffusione del Covid 19. Ė ammesso anche il transito nei tratti di strada di altri comuni per raggiungere l'orto che si trova però nel proprio comune (come anticipato ieri con un post specifico). Gli orti comunali possono essere riaperti a condizione che le Amministrazioni ne disciplinino l'uso.

 

6. Attività di vigilanza, manutenzione ordinaria ad esercizi pubblici o commerciali.
I titolari di esercizi commerciali/pubblici, ad esempio i bar, attualmente chiusi possono da oggi (14/4/2020) effettuare l'attività di vigilanza, conservazione e manutenzione ordinaria, oltre a quella straordinaria che era già stata in precedenza prevista. E' ammesso inoltre anche il lavoro dell'artigiano che, da solo, va a svolgere lavori all'interno delle abitazioni, (muratore, falegname, piastrellista ed addetti al montaggio di mobili, ecc). Ognuna di queste attività deve essere precedute da una comunicazione ufficiale (PEC/raccomandata) attualmente al Commissariato del Governo di Trento. È prevedibile che tale comunicazione, nei prossimi giorni, dovrà essere fatta direttamente alla Provincia Autonoma di Trento.

 

7. Servizio a domicilio. Bar.
Anche ai bar è consentito ora il servizio a domicilio di panini e pasti pronti purché l'autorizzazione posseduta sia per bevande ed alimenti.

 

8. I giardinieri professionali.
I giardinieri professionali possono ora svolgere la propria attività sia nei giardini privati che nei giardini pubblici sempre nel rispetto rigoroso delle norme emanate per il contenimento della diffusione del Covid19.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato