Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, dopo 2 mesi di lockdown riapre la Piccola Libreria di Levico: ''Scoperte nuove forme di sostegno e vitalità che sono diventate vere e proprie alternative virtuose''

Gli orari sono ridotti ma la Piccola Libreria riapre i battenti tra ambienti sanificati, soluzione igienizzante all'ingresso, guanti monouso e l'ingresso di una persona con mascherina per volta. Prosegue la consegna dei libri a domicilio e anche l'iniziativa del bond-librario

Pubblicato il - 03 maggio 2020 - 21:05

LEVICO. Dopo due mesi di lockdown la Piccola Libreria di Levico riapre i battenti tra ambienti sanificati, soluzione igienizzante all'ingresso, guanti monouso e l'ingresso di una persona con mascherina per volta. "In queste settimane ci siamo resi conto che il coronavirus, quando non ci ha colpito negli affetti, ci ha colpito nella nostra capacità di cooperazione e relazione", spiega Lisa Orlandi, che aggiunge: "La nostra essenza libraria affonda proprio nell’incontro e nella relazione, nella libera circolazione di idee e persone, così come nella sospensione del giudizio".

 

Ma questo difficile periodo a causa dell'epidemia è stata anche un'occasione per trovare nuove strade da percorrere. "La grande sorpresa - aggiunge la titolare - è stata scoprire nuove forme di intimità, di sostegno e di vitalità che sono diventate vere e proprie alternative virtuose e non semplici declinazioni di come veniva abitualmente vissuta la libreria di via Regia".

 

In queste settimane la realtà di Levico è entrata nelle case dei lettori, dopo che per anni i clienti erano entrati nel locale. "Abbiamo condiviso incertezze e insieme abbiamo dato forma al pensiero di 'potercela fare', nonostante le difficoltà di questo tempo. Un periodo nel quale abbiamo sperimentato stanchezzanostalgia di abitudini, grande sconforto e nuove speranze".

 

Ora è arrivato il tempo di ripartire. Tutte le mattine da lunedì a sabato dalle 10 alle 12.30, mentre martedì, venerdì e sabato anche il pomeriggio dalle 16 alle 18. "Proseguiamo con le consegne a domicilio gratuite e con le spedizioni. Rimanete a casa, ma non rimanete senza libri. Per ordinare un libro non è necessario passare in libreria: consigliamo di telefonarci o di scriverci un messaggio (telefono 0461 701914 – info@lapiccolalibreria.it)".

 

Prosegue inoltre l'iniziativa del bond-librario. Come funziona? Se non avete le idee chiare sulle letture che desiderate, se volete sostenere l'attività in questo momento comunque difficile, si può investire in una sorta gift-card del valore di 50, 100, 150, 200 euro. Quando poi si va a ritirare il libro, ecco un cotillon libraio di accompagnamento (Qui articolo).

 

"Aspettiamo tempi sicuri per ospitare autrici e autori. Intanto riapriamo con tante storie e poesie, alla ricerca di corrispondenza della cura per poter superare i giorni che ci aspettano. Riapriamo con energia e creatività, ligi alle regole e propositivi. Riapriamo, ce lo auguriamo, insieme e con il sostegno della comunità di Levico e dei nostri lettori", conclude Orlandi. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato