Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, dopo 4 mesi si torna a morire anche in Alto Adige. Contagi molto alti: sono 84 i nuovi positivi

Dopo i 92 casi di ieri oggi altri 84 positivi ma con meno di 1.600 tamponi e un rapporto contagi/tamponi che sale sopra il 5%. Altri tre pazienti Covid finiscono in ospedale

Di L.P. - 11 October 2020 - 11:53

BOLZANO. Era dai primi di giugno che non si registravano decessi in Alto Adige e che la curva si era appiattita sui 292 morti con Covid-19. Oggi, purtroppo, anche Bolzano segna un drammatico +1 che dimostra come stia avvenendo anche in nei nostri territori un cambio di passo della situazione legata all'epidemia.

 

Ieri la drammatica notizia che erano due i morti a Trento (a Belluno, in due giorni se ne sono contati addirittura 4) e oggi tocca all'Alto Adige contare una nuova vittima con coronavirus. Non si arresta, d'altronde, il contagio. Si resta, anzi, su livelli molto alti e dopo i 92 casi di ieri oggi se ne aggiungono altri 84 con 1.599 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che sale sopra il 5% (5,2%) riportandosi a livelli molto alti più simili a quelli del lockdown che a quelli degli ultimi mediamente molto inferiori all'1%. Si tratta dell'ottavo dato più alto dall'inizio dell'epidemia considerando che quanto rilevato ieri era il quarto balzo in avanti di contagi più importante di sempre in Alto Adige (giornate peggiori da questo punto di vista si erano vissute solo il 20 marzo con 114 nuovi positivi, il 27 marzo con 93 positivi e il 29 marzo con 123 positivi).

 

I ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono, oggi, 38 (3 ricoveri in più rispetto a ieri) mentre si conta una persona in meno in terapia intensiva (ieri erano 2) e una persona in più a Colle Isarco (oggi sono 32). Altre 300 persone vanno in isolamento domiciliare: oggi sono 2.782 (delle quali 27 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta). A livello provinciale ad oggi (10 ottobre) sono stati effettuati in totale 192.844 tamponi su 99.917 persone.

 

I numeri in breve:

Tamponi effettuati ieri (8 ottobre): 1.599

Nuovi casi positivi: 84

Numero delle persone testate positive al coronavirus: 4.064

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 192.844

Numero delle persone sottoposte al test: 99.917 (+792)

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 38

Pazienti Covid-19 in isolamento nella struttura di Colle Isarco: 32

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 1

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 293 (+1) 

Persone in isolamento domiciliare: 2.782 (delle quali 27 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 20.835 (delle quali 1.484 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 23.617

Persone guarite: 2.831 (+16). A queste si aggiungono 923 (+1) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test. Totale: 3.754 (+17)

Collaboratori dell'Azienda sanitaria positivi al test: 237, di cui 235 guariti.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 January - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

25 January - 13:34

Una questione che prosegue da ormai diversi anni. Mentre la Provincia di Trento è riuscita a portare avanti l'apertura della strada fino al confine con il Veneto, arrivando a circa 3 chilometri dal rifugio, dall'altro la Provincia di Vicenza, non ha provveduto a fare l'intervento per i chilometri di sua competenza

25 January - 10:28

Nel corso della Giornata della memoria verranno consegnate le medaglie d'onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno dovuto subire la deportazione e l'internamento nei campi nazisti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato