Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, due casi in una nuova Rsa e nella struttura di Montagnaga si allarga il contagio. Ci sono 7 dipendenti dell'Apss positivi

Al momento sono dodici le strutture dove all'interno ci sono almeno 2 o 3 operatori positivi senza che il contagio abbia interessato anche gli ospiti. L'appello di Benetollo ai cittadini è quello di fare attenzione anche negli ambienti famigliari rispettando il distanziamento fisico e la mascherina 

Foto da internet
Di Giuseppe Fin - 16 ottobre 2020 - 17:49

TRENTO. Sale la preoccupazione in Trentino per quanto riguarda i contagi che da ormai qualche settimana stanno aumentando. L'allerta maggiore è quella rivolta alla situazione delle case di riposo che vede oggi, purtroppo, due nuovi casi positivi che si sono sviluppati in una Rsa.  L'attenzione nei confronti di questa struttura della quale al momento non è stato fornito il nome, è ovviamente molto alta, ma lo è anche per i casi che sono stati registrati negli scorsi giorni alla Rsa di Montagnaga dove circa la metà degli ospiti sono risultati positivi assieme a molti operatori.

 

“Abbiamo questa situazione in una Rsa con due casi positivi ed invece – spiega il direttore generale dell'Apss, Paolo Benetollo - continua il focolaio sulla Rsa a Montagnaga che con il passare dei giorni, lentamente, si sta allargando come succede quando si arriva a superare una certa soglia di contagi”. In pochi tempo alla Rsa Villa Alpina di Montagnaga di Pinè sono stati purtroppo già sei i decessi. "Ad oggi - ha spiegato il presidente del gruppo Spes che gestisce questa Rsa - sono 36 gli ospiti contagiati su 56 e poco meno di venti gli operatori risultati positivi".

 

Una cosa rilevante è la ricognizione delle strutture presenti sul territorio che ha dimostrato come in dodici Rsa ci sono 2 o 3 operatori, per ognuna, che risultano positivi senza che il virus sia riuscito a generare infetti tra gli ospiti. “In questi casi il covid19 non è stato portato all'interno – dice Benetollo – è evidente che quando il contagio si alza così tanto anche gli operatori possono contagiarsi magari alle feste private o ai matrimoni”.

 

Da punto del vista dell'Azienda sanitaria trentina sono 7 i dipendenti contagiati e anche in questo caso i contagi sarebbero riconducibili a feste o arrivati da contesti famigliari. L'invito del direttore dell'Apss è quello di “fare molta attenzione anche nei contatti con i famigliari mantenendo il distanziamento fisico e osservando l'uso della mascherina” spiega.

 

A giudicare positivo il fatto che il contagio di alcuni operatori non abbia fatto entrare il virus delle Rsa dove lavorano, è anche la presidente dell'Upipa, Francesca Parolari.  “Questo significa – spiega – che si sta lavorando tutti bene per cercare di contenere le situazioni problematiche che riscontriamo delle strutture intervenendo in maniera rapida”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 26 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 maggio - 18:28
Da metà pomeriggio sono in azione i corpi dei vigili del fuoco in gran parte del territorio. A Trento, in via Brescia, un'auto è rimasta bloccata [...]
Cronaca
28 maggio - 15:33
La misura di sorveglianza speciale è stata chiesta per 5 anni durante i quali la persona avrà diverse limitazioni in termini di movimento e non [...]
Cronaca
28 maggio - 17:14
Una grossa pianta era stata adagiata su un terreno ripido per sezionarla quando ad un certo punto il tronco è scivolato a valle ed ha travolto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato