Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, elezioni amministrative: non si vota in estate tutto posticipato in autunno, 158 i comuni trentini interessati

Ben 158 comuni della provincia di Trento e 113 della provincia di Bolzano saranno chiamati a rinnovare le proprie amministrazioni tra il 1° settembre e il 15 dicembre. Non è escluso che le elezioni possano essere ulteriormente rinviate qualora dovesse ripresentarsi un pericolo epidemiologico

Pubblicato il - 29 April 2020 - 11:09

TRENTO. “Restano valide le operazioni elettorali preparatorie già compiute”, si legge nel comunicato della Regione Trentino-Alto Adige dove si annuncia il definitivo rinvio delle elezioni in un periodo compreso tra il 1° settembre e il 15 dicembre. Le elezioni avrebbero dovuto tenersi il prossimo 3 maggio ma a causa dell’epidemia che ha colpito la regione erano state rinviate, lasciando in sospeso l’elezione di sindaci e consigli comunali di 158 amministrazioni della provincia di Trento e in 113 comuni della provincia di Bolzano.

 

D’altronde era troppo alto il rischio di contagio e le elezioni non avrebbero potuto tenersi in sicurezza, da qui la necessità di approvare un disegno di legge urgente di rinvio del turno elettorale generale 2020 per l’elezione del sindaco e dei consigli comunali ad una data compresa tra il 1° settembre e il 15 dicembre 2020. Per evitare un doppio turno elettorale autunnale, si è opportunamente previsto l’accorpamento al turno elettorale generale delle eventuali “elezioni anticipate” dei comuni i cui organi dovessero essere rinnovati per motivi diversi dalla scadenza del mandato, ammesso che le condizioni che rendono necessarie tali elezioni si verifichino prima dell’indizione del turno elettorale generale, rinviando altrimenti l’elezione al primo turno elettorale dell’anno 2021.

 

Risulta inoltre necessario disciplinare la durata ultra-quinquennale del mandato elettivo dei sindaci e dei consigli comunali in carica e la corrispondente riduzione della durata del mandato dei sindaci e dei consigli da eleggere, per riportarli a scadenza nel turno elettorale generale del 2025.

 

L'Assessore regionale Claudio Cia ha tenuto ha evidenziare che rimangono valide le operazioni elettorali preparatorie già compiute in vista del turno elettorale generale originariamente previsto per il 3 maggio 2020 e in particolare delle sottoscrizioni delle dichiarazioni di presentazione delle liste dei candidati alla carica di consigliere comunale e delle relative autenticazioni, nonché delle dichiarazioni di accettazione della candidatura e delle relative autenticazioni. In via  precauzionale, è stato previsto che, in considerazione di sopravvenute specifiche situazioni epidemiologiche da Covid-19, il turno elettorale generale, anche già indetto, possa essere ulteriormente rinviato, di non oltre sei mesi, regolando conseguentemente la durata del mandato dei sindaci e dei consigli comunali e facendo salva la validità delle operazioni già compiute per lo svolgimento delle elezioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 December - 20:57

Sono 462 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 51 in alta intensità. Complessivamente 512 positivi e il rapporto contagi/tamponi si attesta a 8,7%

04 December - 19:39

Spostamenti fra Regioni, supermercati, sport invernali dopo il Dpcm Fugatti firma una nuova ordinanza: “Gli operatori addetti agli impianti, in alternativa alla mascherina chirurgica, potranno utilizzare anche mascherine di stoffa a protezione delle vie respiratorie”. Agli over 70 si raccomanda di evitare i contatti con persone di età inferiore ai 30 anni

04 December - 19:11

L'assessore alla Cultura Mirko Bisesti si è incontrato in videoconferenza con il presidente del Muse Stefano Zecchi e il Cda per annunciare la volontà della Provincia di assumere parte del personale esternalizzato. Soddisfazione da parte di Alberto Pacher e del direttore Michele Lanzinger: "Scelta quanto mai opportuna. Sui lavoratori delle cooperative auspichiamo contratti migliori"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato