Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Fugatti: ''Richiesta unanime delle Regioni al governo di considerare solo 5 indicatori e non più i 21 criteri per le zone gialle, arancioni e rosse''

Questa proposta di revisione dei criteri e di modifica del processo decisionale è stata accolta dalla Conferenza delle Regioni e presentata al governo. Si discute anche sui ristori in caso di ordinanze più restrittive rispetto al Dpcm. Fugatti: "C'è un consenso verbale alla richiesta dei ristori per queste limitazioni ma tutto è stato formalizzato"

Di Luca Andreazza - 17 novembre 2020 - 18:24

TRENTO. Le Regioni hanno presentato al governo un documento per chiedere di tagliare da 21 a 5 i parametri. Sono i criteri che definiscono l'inserimento nelle zone gialla, arancione e rossa.

 

"La proposta - commenta il presidente Maurizio Fugatti - è arrivata dal governatore del Friuli Venezia Giulia e c'è un consenso unanime nella necessità di rivedere questi parametri utilizzati per definire le misure restrittive. La richiesta è quella di prendere in considerazione la percentuale dei positivi rispetto ai tamponi, l'indice Rt, il tasso di occupazione delle terapie intensive, i posti letto in ospedale e adeguate risorse e capacità di risposta nel contact tracing". 

 

Questa proposta di revisione dei criteri e di modifica del processo decisionale è stata accolta dalla Conferenza delle Regioni. "Il documento - aggiunge il governatore - viene valutato dal governo e non sappiamo se Roma intende accettare queste istanze, così come non siamo attualmente a conoscenza di quando potrebbero entrare in funzione per poi rimodulare le zone". Un modo per far valere anche una scelta politica e una valutazione anche territoriale rispetto all'algoritmo. 

 

Un altro argomento sul tavolo è quello dei ristori. "La nostra ordinanza, più restrittiva rispetto all'ultimo Dpcm, è stato firmata in accordo con il ministro. C'è un consenso verbale alla richiesta dei ristori per queste limitazioni - conclude Fugatti - ma tutto è stato formalizzato. E' un'istanza portata avanti anche dalle altre Regioni. Adesso le risorse sono previste per quanto deciso a livello nazionale, ma è chiaro che provvedimenti restrittivi vengono presi per affrontare il contagio. Ci aspettiamo che questa richiesta venga accolta".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
26 novembre - 18:52
La lettera-denuncia degli attivisti dell’Assemblea Antirazzista: “I migranti che vivono a Trento sono stati messi di fronte alla scelta fra [...]
Cronaca
26 novembre - 19:07
Si è verificata una tragedia nella tragedia giovedì all'incrocio tra Corso Libertà e Corso Italia a Bolzano. L'uomo era stato chiamato in piazza [...]
Società
26 novembre - 20:38
La Fiorentina ha deciso di puntare sul Viola Park e non tornerà in val di Fassa per il ritiro estivo. Il sindaco di Moena, Alberto Kostner: "Siamo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato