Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Fugatti: ''Richiesta unanime delle Regioni al governo di considerare solo 5 indicatori e non più i 21 criteri per le zone gialle, arancioni e rosse''

Questa proposta di revisione dei criteri e di modifica del processo decisionale è stata accolta dalla Conferenza delle Regioni e presentata al governo. Si discute anche sui ristori in caso di ordinanze più restrittive rispetto al Dpcm. Fugatti: "C'è un consenso verbale alla richiesta dei ristori per queste limitazioni ma tutto è stato formalizzato"

Di Luca Andreazza - 17 novembre 2020 - 18:24

TRENTO. Le Regioni hanno presentato al governo un documento per chiedere di tagliare da 21 a 5 i parametri. Sono i criteri che definiscono l'inserimento nelle zone gialla, arancione e rossa.

 

"La proposta - commenta il presidente Maurizio Fugatti - è arrivata dal governatore del Friuli Venezia Giulia e c'è un consenso unanime nella necessità di rivedere questi parametri utilizzati per definire le misure restrittive. La richiesta è quella di prendere in considerazione la percentuale dei positivi rispetto ai tamponi, l'indice Rt, il tasso di occupazione delle terapie intensive, i posti letto in ospedale e adeguate risorse e capacità di risposta nel contact tracing". 

 

Questa proposta di revisione dei criteri e di modifica del processo decisionale è stata accolta dalla Conferenza delle Regioni. "Il documento - aggiunge il governatore - viene valutato dal governo e non sappiamo se Roma intende accettare queste istanze, così come non siamo attualmente a conoscenza di quando potrebbero entrare in funzione per poi rimodulare le zone". Un modo per far valere anche una scelta politica e una valutazione anche territoriale rispetto all'algoritmo. 

 

Un altro argomento sul tavolo è quello dei ristori. "La nostra ordinanza, più restrittiva rispetto all'ultimo Dpcm, è stato firmata in accordo con il ministro. C'è un consenso verbale alla richiesta dei ristori per queste limitazioni - conclude Fugatti - ma tutto è stato formalizzato. E' un'istanza portata avanti anche dalle altre Regioni. Adesso le risorse sono previste per quanto deciso a livello nazionale, ma è chiaro che provvedimenti restrittivi vengono presi per affrontare il contagio. Ci aspettiamo che questa richiesta venga accolta".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato