Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, i sindacati dei pensionati: ''Decisioni incredibili della politica che acquistano un peso preciso in questa situazione drammatica''

I segretari Ruggero Purin (Spi Cgil), Tamara Lambiase (Fnp Cisl) e Claudio Luchini (Uilp): "Ripensare l'organizzazione per affrontare le prossime sfide. E procedere velocemente e con convinzione all’attuazione della riforma dello Spazio Argento per un governo unitario del sistema"

Pubblicato il - 25 aprile 2020 - 23:17

TRENTO. "Le disposizioni in materia Rsa in questa emergenza coronavirus assumono un peso ben preciso". Così i sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp del Trentino prendono posizione sulle scelte operate in questi quasi due mesi di pandemia. "Decisioni incredibili che l’assessorato e il dipartimento per l’Integrazione socio sanitario hanno inviato  ai direttori di Upipa, Spes e case di riposo della Provincia".

 

Nel mirino la circolare che stabilisce "che il sistema ospedaliero trentino è sotto fortissima pressione e le Rsa devono essere considerate a tutti gli effetti come strutture a bassa intensità di cura per la presa in carico dei casi di infezione accertata o sospetta nell’interezza del percorso assistenziale e non devono operare alcun trasferimento verso gli ospedali".

 

"E' noto - commentano i sindacati - che poche ambulanze sono partite dalle Rsa per i reparti ospedalieri Covid-19. Ma le Apsp e le case di riposo sono il luogo di maggiore emergenza sul territorio e oltre la metà dei decessi avvenuti in Trentino per infezione sono all’interno delle residenze per gli anziani. Disposizioni che assumono un peso ben preciso e diventa necessario ricordare che all’indomani del Dpcm del 4 marzo scorso a chiudere le strutture, troviamo le linee guida del presidente Fugatti che permettevano l’accesso ai familiari".

 

Una situazione che è diventata drammatica nelle Rsa. "Insufficienza e inadeguatezza di mascherine e dispositivi di protezione individuale - spiegano i segretari Ruggero Purin, Tamara Lambiase e Claudio Luchini - senza dimenticare l'attualissima questione dei tamponi per tutti gli ospiti e per tutto il personale delle strutture. Sono strutture non attrezzate per la cura dei pazienti positivi, in molti casi prive di spazi e logistica necessari per la compartimentazione efficace di ospiti positivi e non Covid-19".

 

I sindacati portano sul tavolo anche alcune riflessioni per ripensare alle emergenze che gli anziani si troveranno a dover affrontare nei mesi e negli anni a venire. Tre possono essere i grossi cambiamenti legati a un possibile pericolo futuro della vicinanza sociale.

 

"Dobbiamo ripensare alle Rsa e al ruolo del personale qualificato che oggi opera. La crisi sanitaria - proseguono i sindacati - pone alcune questioni su un modello che concentra tante persone a rischio in un luogo comune. Questo stesso servizio può essere distribuito sul territorio o ancora meglio nelle abitazioni". La richiesta è intanto di adottare fin da subito un protocollo di sicurezza per le pandemie nella comunità. 

 

Un altro punto è quello degli ambulatori di medicina generale. "Considerato il ruolo che ricoprono e l’alto rischio di contagio - dicono Purin, Lambiase e Luchini - è da valutare il contemporaneo accesso di un elevato numero di persone. Per evitare questo tipo di assembramento è necessario che il servizio possa essere svolto a domicilio".

 

Le strutture devono ripensare anche alle informazioni tra anziani e famiglia. "E' necessario - continuano Cgil, Cisl e Uil - assicurare un servizio telefonico costante di segretariato sociale attraverso cui gli operatori e operatrici dell’equipe socio-sanitaria possono fornire informazioni chiare e personalizzate, adeguate e esaustive, riguardanti la salute del proprio familiare, i trattamenti in corso e soprattutto eventuali cambiamenti dello stato di salute, terapie, cure o trasferimenti in ospedale. I parenti devono poter partecipare consapevolmente alla scelte da prendere, ma anche che possano mantenere il contatto umano e le relazioni così importanti nei momenti di difficoltà fisica e emotiva".

 

L'emergenza coronavirus impone di riflettere sull'organizzazione delle Rsa. "Si deve procedere velocemente e con convinzione all’attuazione della riforma dello Spazio Argento per un governo unitario del sistema. Quanto è successo - concludono Purin, Lambiase e Luchini -anche a livello nazionale, il procedere in ordine sparso, deve essere di insegnamento per programmare adeguatamente gli interventi per gli anziani. Una regia forte nei territori e una migliore integrazione socio-sanitaria, destinando  le risorse aggiuntive necessarie oltre quelle già stanziate dalla Giunta precedente".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

22 ottobre - 13:19

Una proposta semplice quanto efficace che permetterebbe agli esercenti di ''salvare'' la stagione come avvenuto in estate tra plateatici allargati e tavolini all'aperto. Con il freddo si dovrebbe, altrimenti, tornare al chiuso ma tra regole sul distanziamento e la paura del ritorno del Covid-19 il rischio che gli spazi coperti restino semi-vuoti appare molto concreto

22 ottobre - 12:31
Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia e Svizzera. Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato