Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il Dpcm vieta gli spostamenti anche tra Trentino e Alto Adige tra Natale e Capodanno. Prima dipende dal colore delle Province

Il Dpcm firmato nelle ultime ore dal premier Giuseppe Conte non parla di Regione ma specifica la differenziazione tra Trento e Bolzano, come già avvenuto nel decreto legge del 2 dicembre scorso: questo significa che sono assimilati a due distinti territori 

Di Luca Andreazza - 04 December 2020 - 13:05

TRENTO. Spostamenti bloccati tra la Provincia di Trento e quella di Bolzano per le festività di Natale e Capodanno, mentre la mobilità è consentita fino al prossimo 20 dicembre e dal 7 al 15 gennaio, compatibilmente però con il colore del territorio assegnato da ministero e Istituto superiore di sanità per la gestione della diffusione del contagio da Covid-19.

 

Il Dpcm firmato nelle ultime ore dal premier Giuseppe Conte non parla di Regione ma specifica la differenziazione tra Trento e Bolzano, come già avvenuto nel decreto legge del 2 dicembre scorso (Qui link): questo significa che sono assimilati a due distinti territori (Qui articolo). 

Il decreto del presidente del Consiglio dei ministri sancisce che dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato, nell'ambito del territorio nazionale, ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse Regioni o Province autonome: dal Trentino non si può raggiungere l'Alto Adige e viceversa. Ulteriori limitazioni poi nelle giornate clou del periodo delle festività. Nelle giornate del 25 e del 26 dicembre e del primo gennaio viene vietato ogni spostamento a livello comunale. Le disposizioni in questo periodo bloccano anche la possibilità di raggiungere una seconda casa

 

Attualmente l'Alto Adige è zona rossa e il Trentino è zona gialla, quindi sono preclusi gli spostamenti tra le province. Nelle prossime ore è attesa però la nuova classificazione e Bolzano potrebbe essere equiparata a Trento. In caso di stesso colore, vale anche da e per il Veneto, soprattutto nelle aree di confine, gli spostamenti sono consentiti, altrimenti resta tutto bloccato anche nei periodi 4 - 20 dicembre e 7 - 15 gennaio.

 

Le eccezioni, come noto, riguardano gli spostamenti da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o motivi di saluteE' comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, escluso gli spostamenti alle seconde case. In questi casi è necessaria l'autocertificazione.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 January - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato