Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il paziente guarito scrive ai medici e agli infermieri in prima linea: ''Siete un dono speciale non vi dimenticherò''

Sono piccoli ma importanti messaggi che fanno ritrovare la forza a tutto il personale sanitario che sta combattendo contro il covid-19 di andare avanti

Di G.Fin - 27 marzo 2020 - 19:58

TRENTO. A volte basta poco per ritrovare la forza e andare avanti in questo momento difficile per tutti ma sopratutto per i medici, gli infermieri, gli oss e tutto il resto del personale sanitario in prima linea per combattere questa difficile battaglia del coronavirus.

 

Per tutte queste persone un attimo di sollievo, un attimo di calore arriva dai tanti messaggi speciali lasciati dai cittadini grati per il lavoro che si sta portando avanti ma anche da quei pazienti che hanno vissuto in prima persona questa difficile situazione.

 

Ed è proprio da uno di questi che è arrivato un bellissimo messaggio di ringraziamento. Un messaggio scritto a mano su un foglio di carta per dire semplicemente “Grazie di cuore”.

 

E' poco anche dirvi grazie ma i giorni passati qui con voi non li dimenticherò mai. Personale speciali con un dono speciale, che è quello di prodigarsi per il prossimo. Vi auguro tutto il bene possibile, sperando che questo incubo abbia presto una fine. Grazie di cuore

 

Il foglio con il testo del messaggio è stato diffuso dall'Azienda sanitaria che ha voluto far conoscere il grande riconoscimento che in tanti stanno avendo in questi giorni nei confronti di chi opera in corsia senza sosta e senza risparmiare forze.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato