Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Veneto 29 decessi e 117 contagi, Zaia: “Vogliamo arrivare a 30mila test al giorno”

Nuove regole per l’accesso agli ospedali: verifiche della temperatura per chi si presenta, obbligo delle mascherine e tamponi per chi si ricovera. Zaia: “Abbiamo predisposto un piano per far sì che nel giro di 15-20 giorni tutti gli ospedali e le case di riposo venete vengano ricontrollati con i tamponi”

Di Tiziano Grottolo - 29 aprile 2020 - 15:27

VERONA. Tornano a calare i decessi registrati nelle ultime 24 ore in Veneto: 29 le nuove vittime legate al coronavirus, che fanno salire il triste conteggio al totale di 1437. Per quanto riguarda le persone positive al covid-19 la cifra sale a 17.825 (+117). “Questi – ha rassicurato il presidente della regione Veneto Luca Zaiaprobabilmente sono dei negativi che avevamo già ricoverato e si sono positivizzati in un secondo momento”. In isolamento restano 7099 (-192) soggetti. I pazienti ricoverati in ospedale rimangono pressoché stabili, 1.042 (-25) mentre le terapie intensive calano di 9 unità, attestandosi a 114.

 

Zaia ha poi annunciato il piano regionale per portare il numero dei tamponi giornalieri alla ragguardevole cifra di 30mila, “entro fine estate”, ha puntualizzato, anche se ha lasciato intendere che altre novità potrebbero arrivare già nelle prossime settimane. “Abbiamo predisposto un piano – ha aggiunto – per far sì che nel giro di 15-20 giorni tutti gli ospedali e le case di riposo venete vengano ricontrollati con i tamponi”. Questo comunque significherà un continuo afflusso di dati sui nuovi positivi.

 

Cambiano le regole per accedere agli ospedali: “Tornano i servizi – ha detto Zaia – e saranno efficienti e attenti alle nuove necessità di prevenzione e protezione, ma non con le modalità di prima. La filosofia di base è la sicurezza dei cittadini che frequentano le strutture, degli operatori sanitari e dei ricoverati che, in quanto tali, sono in condizioni di particolare debolezza perché malati. Anche questo sarà un lavoro di squadra, che coinvolgerà ospedale e territorio”.

 

“Si torna alla normalità, come prima dell’emergenza Covid – ha fatto eco l’assessora alla Sanità Manuela Lanzarin – e questa è una svolta importante, ma sarà una normalità gestita in modo diverso da prima, con la massima allerta organizzativa, gestionale e operativa, per impedire in ogni modo qualsiasi rischio di contagio. Ad esempio – ha aggiunto la Lanzarin riassumendo alcuni punti delle linee d’indirizzo – tutti gli accessi saranno presidiati da personale sanitario che verificherà la temperatura corporea di chi si presenta e tutti dovranno indossare la mascherina e, se non ne saranno provvisti, ne metteremo a disposizione agli ingressi”.

 

Inoltre, gli spazi interni saranno tutti rivisti per impedire concentrazione di persone. Tutte le persone da ricoverare saranno preventivamente sottoposte al tampone (se ne prevedono circa 1.600 al giorno) e isolate fino all’esito. Particolari precauzioni ci saranno anche per i ricoveri di emergenza e urgenza. In collaborazione con i Medici di Medicina Generale, si stanno riprogrammando tutte le visite cancellate prima. “Saranno in ogni caso incentivate le prestazioni da remoto per il follow Up – ha precisato Lanzarin – così come le visite controllo con telemedicina, videochiamata o videoconferenza, già sperimentate in alcuni ospedali”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 aprile - 16:22
Dopo il video che Beppe Grillo ha caricato sul web per difendere il figlio indagato per violenza sessuale di gruppo, sono state tante le [...]
Cronaca
21 aprile - 16:18
Sono stati analizzati 2.635 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 22 casi tra over 60 e 25 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare
Ambiente
21 aprile - 15:39
Per i portavoce dei biodistretti di Trento, Gresta e Valle dei Laghi il ddl promosso dall'assessora Zanotelli è da bocciare: ''I tempi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato