Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la libreria Arcadia deve chiudere ma trova ospitalità al tabacchino: “È un piacere aiutare delle persone eccezionali”

All’interno della tabaccheria di via Giuseppe Garibaldi è possibile trovare uno stand con i libri consigliati dalla libreria Arcadia: “Per noi è importante per noi mantenere un legame con i lettori”. Nel frattempo continua il servizio di consegne a domicilio nel comune di Rovereto

Di Tiziano Grottolo - 13 marzo 2020 - 13:29

ROVERETO. Se l’emergenza da coronavirus sta mettendo a dura prova le strutture sanitarie allo stesso tempo non risparmia nemmeno le varie attività, molte delle quali sono state chiuse per decreto. Succede così gli imprenditori e titolari debbano trovare soluzioni originali per aggirare i problemi creati dal coronavirus, è il caso dell’inedita collaborazione messa in piedi dalla libreria Arcadia e dalla tabaccheria di via Giuseppe Garibaldi 26 a Rovereto, gestita da Gaetano Dionigi.

 

“Nomen omen” verrebbe da dire dal momento che l’attività di Dionigi ha un nome del tutto originale, si chiama infatti “La Coscienza Di Zeno” in onore del romanzo di Italo Svevo, non si poteva quindi trovare un sodalizio migliore per allestire uno spazio dedicato a una libreria.

 

“Quando eravamo alla ricerca di un negozio da affittare, il primo piccolo aiuto, in un posto in cui non conoscevamo nessuno, ci venne da Gaetano e Raffaella, i due edicolanti di via Garibaldi, originari di Gravina, in Puglia”, racconta Giorgio Gizzi titolare dell’Arcadia. “Ci prestarono un metro che ci permise di capire se nel locale che stavamo valutando ci saremmo entrati o meno – prosegue Gizzi – da allora, ‘La Coscienza Di Zeno’ è diventata una tappa quotidiana per l’acquisto dei giornali”.

 

 

“Sono nostri clienti abituali e con loro abbiamo un ottimo rapporto – conferma Dionigi – quindi dal momento che loro non potevano aprire abbiamo deciso di ospitare uno spazio dedicato alla libreria”. A quanto apre l’iniziativa ha già avuto dei riscontri positivi e alcuni clienti hanno già acquistato alcuni volumi, “ho dato la mia piena disponibilità – sottolinea il tabaccaio – è un piacere dare una mano a delle persone eccezionali”.

 

Per tutta la durata dell’emergenza quindi, in via Garibaldi 26, dalle 6e30 alle 12e30 e dalle 14e30 alle 18, sarà possibile trovare una piccola selezione di libri consigliati dall’Arcadia, ognuno con il suo cartellino sopra, esattamente come avverrebbe in libreria. “Questa è la rappresentazione tangibile della nostra idea di comunità – afferma Gizzi – se aveste voglia di un libro, potete acquistarlo al corner che abbiamo allestito con cura, ci trovate qualche giallo, alcuni titoli irrinunciabili, qualche libro per ragazzi, il nostro libro del mese ed un piccolo seme arcadico”.

 

Le persone che vogliono un libro in particolare però non devono disperare sarà infatti possibile ordinarli telefonicamente allo 0464.755021 (dalle 9 alle 12) o via mail info@libreriarcadia.com: “Troverete attivo un pronto intervento librario, uno di noi librai sarà a vostra disposizione per consigliarvi le letture più adatte a voi e prenderne nota per la spedizione e consegna”. Si ricorda che nel comune di Rovereto continua il servizio di consegne a domicilio: “Anche in questo momento di chiusura obbligatoria e di ritiro domestico per noi è importante mantenere un legame con i lettori” conclude Gizzi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

31 ottobre - 08:12

Il 46enne, originario di Torino, si è lanciato dai monti Lessini. A dare l'allarme gli amici che non hanno più avuto sue notizie 

30 ottobre - 23:08

Due provvedimenti drastici, motivati da una vicenda esclusivamente aziendale, legata – da quanto s’apprende esclusivamente dai due enologi messi alla porta -  alla gestione delle uve destinate a divenire vini di qualità operata nelle ultime vendemmie dai due tecnici ora al centro della diatriba

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato