Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l'asilo resta chiuso perché l'esito dei tamponi non arriva: ''Non possiamo garantire la sicurezza''

La struttura è stata chiusa 4 giorni fa in via precauzionale dopo che sono emersi alcuni casi di Covid-19. Da lì la decisione di sospendere il servizio per sicurezza. Il vice sindaco di Levico: "Dispiace nuovamente per gli inevitabili disagi"

Di Luca Andreazza - 09 novembre 2020 - 04:01

LEVICO. "Abbiamo atteso fino all'ultimo nuove comunicazioni dall'Azienda provinciale per i servizi sanitari relative ai tamponi mancanti ma il numero di test assenti è ancora troppo alto, il Nido comunale resta chiuso". Così Patrick Arcais, vice sindaco di Levico.

 

Nonostante le rassicurazioni della Provincia che ricorda costantemente come la situazione vada bene, nido e Comune sono costretti a cedere il passo: manca ancora la metà dei risultati dei tamponi. I test sono stati eseguiti giovedì 5 novembre e ancora non sono state completate le analisi per permettere a un servizio di riprendere. Questo nonostante piazza Dante consideri, giustamente, il ciclo primario fondamentale e si sia arroccata per settimane a non voler passare alla didattica a distanza, contravvenendo ai Dpcm, per gli istituti superiori.

 

Da parte della Provincia non sembra essere mai arrivata una comunicazione ufficiale relativa alla necessità di chiudere un istituto o un asilo, il Comune è stato lasciato a gestire la materia praticamente in solitudine. E non c'è solo la lentezza nelle procedure di analisi (ormai sono tante le segnalazioni di cittadini che si sentono abbandonati e non ottengono risposte), c'è anche una preoccupazione aggiuntiva

 

La scelta provinciale in corso d'opera è stata quella di diversificare i criteri per far scattare le quarantene nelle scuole: 1 positivo alle superiori, 2 casi per quanto riguarda gli ambiti dei servizi socio-educativi della prima infanzia, delle scuole dell'infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado.

 

E' fondamentale interrompere la catena del contagio, ma se per un risultato in un servizio primario trascorrono più di 3 giorni e intanto la struttura prosegue nell'attività, i rischi di un'accelerazione della diffusione del coronavirus in classe, poi a casa e quindi nella società aumentano sensibilmente. Il Comune in questa situazione ha agito e si è raccordato tempestivamente per gestire un quadro complesso, ma è costretto a tenere ancora chiuso (con tutte le problematiche che conseguono per i genitori) per le lentezze dell'apparato in generale.

 

La struttura, infatti, è stata chiusa 5 giorni fa in via precauzionale dopo che erano emersi alcuni casi di Covid-19. Nella mattina di martedì 3 ottobre era arrivata la notizia di 2 positività e così era scattata la serrata di alcuni sezioni (Qui articolo), poi nel corso della sera erano stati notificati altri 3 contagi. Da lì la decisione di sospendere il servizio per sicurezza (Qui articolo). Una trentina di test effettuati, 6 positività e 10 negatività, ma per altre 10 persone è ancora un chissà. 

 

"Attualmente tutti i tamponi dei quali è noto l’esito sono negativi, tuttavia il numero di test dei quali non conosciamo ancora l’esito è troppo alto per poterci consentire di riaprire il Nido comunale in sicurezza nella giornata di lunedì 9 novembre, l'apertura viene spostata a nuova data, che sarà comunicata appena possibile. Dispiace nuovamente per gli inevitabili disagi", conclude Arcais.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

22 gennaio - 08:56

I rilievi scientifici dei Ris potrebbero portare già nelle prossime ore a delle risposte. Gli inquirenti si stanno concentrando sugli spostamenti del figlio Benno nella sera del 4 gennaio

22 gennaio - 09:22

Grave incidente nella prima mattinata di venerdì 22 gennaio. Ad Auna di Sotto, frazione di Renon, un autobus e un camion si sono scontrati frontalmente. Nel violento impatto sono state ferite due persone. Immediato l'intervento di vigili del fuoco, forze dell'ordine e soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato