Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, positivi all’asilo di Levico, chiuse alcune sezioni: “La struttura sarà sanificata completamente”

Fra i dipendenti dell’asilo nido ce ne sarebbero 8 (su 24) in malattia. Il comune: “Ci sono due educatrici positive al tampone, l’azienda sanitaria ha già attivato i protocolli, la struttura rimane aperta con orario ridotto”

Pubblicato il - 04 November 2020 - 09:22

LEVICO TERME. “Due educatrici in servizio al nido comunale sono risultate positive al tampone per Covid-19, pertanto è stata immediatamente avvisata l’Azienda sanitaria che ha attivato gli specifici protocolli”. La comunicazione arriva direttamente dall’amministrazione di Levico Terme e si è resa necessaria dal momento che nella struttura comunale, 8 dipendenti su un totale di 24, sarebbero in malattia, con due positività accertate appunto.

 

 

In attesa di conoscere gli sviluppi, l’Amministrazione ha proceduto in via cautelativa ad avvisare tutte le famiglie dei bambini che frequentano il nido. Non solo, alcune sezioni sono state chiuse e pertanto si procede con orari ridotti. Ad ogni modo, seppur in formato ridotto, il nido rimarrà aperto, almeno per il momento. Solo dopo le verifiche di Apss si deciderà se chiudere la struttura o tenerla aperta. 

 

Sarà poi cura dell’Apss – fa sapere il Comune – contattare le famiglie interessate per comunicare eventuali misure specifiche da assumere per le stesse”. Il riferimento ovviamente è a una possibile quarantena anche per alcuni alunni, benché al momento tale misura non sia stata disposta. Nel frattempo una ditta specializzata si occuperà di effettuare una sanificazione d tutti i locali della struttura.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato