Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, arrivati dopo 5 giorni tutti gli esiti dei tamponi: ''Possiamo riaprire l'asilo in sicurezza. Resta chiusa solo una classe''

Il servizio riprende da martedì 10 novembre, esclusa la stanza azzurra che resta chiusa a causa delle positività riscontrate a Covid-19 nei giorni scorsi. Patrick Arcais (vice sindaco di Levico): "Ringraziamo le famiglie per la comprensione e la disponibilità Chiusura necessaria, inutile tenere aperto per poi rischiare di rincorrere gli eventi"

Di Luca Andreazza - 09 novembre 2020 - 14:22

LEVICO. C'è stata un'accelerazione nel fornire gli esiti dei tamponi mancanti e l'Asilo comunale di Levico può ripartire dopo una settimana di stop. "I test sono risultati negativi e possiamo procedere alla riapertura in sicurezza e serenità per le famiglie e per il personale", commenta Patrick Arcais, vice sindaco di Levico.

 

Il servizio riprende da martedì 10 novembre, esclusa la stanza azzurra che resta chiusa a causa delle positività riscontrate a Covid-19 nei giorni scorsi. "I tempi di riattivazione di questo gruppo sono ancora incerti - aggiunge Arcais - indicativamente ci potrebbero volere una decina di giorni, ma molto dipende dal decorso della malattia del personale attualmente contagiato. Abbiamo provato a scorrere tutta la graduatoria per tamponare questo momento ma non siamo riusciti a trovare personale sostituivo per il periodo necessario. La sezione resta chiusa, anche per garantire la continuità poi del gruppo classe e delle educatrici, una scelta che segue i protocolli".

La struttura, infatti, è stata chiusa martedì 3 ottobre via precauzionale dopo che erano emersi alcuni casi di Covid-19. Nella mattina era arrivata la notizia di 2 positività e così era scattata la serrata di alcuni sezioni (Qui articolo), poi nel corso della sera erano stati notificati altri 3 contagi. Da lì la decisione di sospendere il servizio per sicurezza (Qui articolo).

 

L'asilo è rimasto chiuso anche lunedì per la mancanza dell'esito di 10 test e così l'amministrazione comunale ha deciso di tenere chiusa la struttura per sicurezza (Qui articolo). Ora il quadro è completo e si può procedere all'apertura. "Ci è dispiaciuto per i disagi causati nella gestione familiare - evidenzia il vice sindaco - ma è stata l'unica soluzione in grado di garantire la massima sicurezza per tutti. Troppi i rischi nel voler tenere aperto nell'incertezza generale e magari poi trovarsi a rincorrere gli eventi. Ringraziamo i genitori per la collaborazione e la comprensione, così come il personale in servizio per gli enormi sforzi profusi in questi mesi così delicati, contraddistinti da profondo impegno e dedizione".

 

Le attività di screening dei dipendenti si è conclusa e sono 6 le positività riscontrate. "Il personale è sintomatico ma fortunatamente non è grave, questo è l'aspetto più importante. L'augurio è quello di una pronta guarigione, una volta concluso il decorso e accertata la negatività siamo pronti a ripartire a regime. Siamo molto soddisfatti anche per la collaborazione e il dialogo con l'Azienda provinciale per i servizi sanitari, siamo stati costantemente supportati in questo momento così delicato", conclude Arcais.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 12:01

Il criterio dei 10 anni di residenza per accedere agli alloggi Itea era stato definito dai giudici “discriminatorio”: ora la Corte di Appello ha bocciato anche il ricorso della Pat, con quest’ultima che dovrà pagare 50 euro di sanzione per ogni giorno di ritardo. L’assemblea Antirazzista: “È stato ristabilito un principio di equità e di antidiscriminazione contenuto nelle direttive europee”

16 gennaio - 10:32

Il Dolomiti vi accompagna in un viaggio tra i luoghi della musica in Trentino, con delle video-interviste in cui le band locali si raccontano, tra la speranza di sfondare gli angusti confini provinciali e le difficoltà di suonare nelle valli. Davide Leveghi e Aaron Giordani cercano dunque di rispondere a una domanda: dove si trova il rock in Trentino?

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato