Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l'Austria registra una crescita rilevante dei casi e corre ai ripari. Kurz: "Presto raggiungeremo i 1000 casi al giorno. Cerchiamo di evitare un nuovo lockdown"

Di fronte all'importante crescita dei casi di Coronavirus, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha annunciato nuove restrizioni per scongiurare un nuovo lockdown. "Presto raggiungeremo i 1000 casi". Mascherine obbligatorie sui mezzi pubblici, negli esercizi commerciali e negli edifici pubblici

Pubblicato il - 15 settembre 2020 - 10:51

VIENNA. “Quello che stiamo vivendo è l'inizio delle seconda ondata. Il numero di contagi aumenta di giorno in giorno, presto arriveremo a superare i 1000 nuovi contagi al giorno. Vi preghiamo di attenervi a tutte le misure igieniche e di mantenere le distanze”. È preoccupato il cancelliere Sebastian Kurz.

 

L'incremento nel numero di contagi registrato nelle ultime settimane, con il tetto dei 1000 casi al giorno pronto ad essere “sfondato”, ha spinto le autorità austriache a reintrodurre delle restrizioni più stringenti. Oltre che nei supermercati e sui mezzi pubblici, le mascherine saranno così obbligatorie in tutti gli esercizi commerciali e negli edifici pubblici.

 

In un Paese con una popolazione di poco inferiore ai 9 milioni di abitanti, da inizio epidemia la piccola repubblica alpina ha contato oltre 33mila casi, con 750 decessi. A fronte di una crescita esponenziale registrata nelle ultime 2 settimane, con numeri che sono cresciuti di oltre il doppio e che si apprestano a superare il migliaio al giorno, Vienna ha deciso di ricorrere ai ripari, scongiurando la necessità di indire un nuovo lockdown.

 

Per questo, in un clima di grande preoccupazione, il cancelliere Kurz ha invitato la popolazione a seguire con più zelo le norme di sicurezza contro la propagazione del virus.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato