Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, nella casa di riposo non ci sono più spazi. I vigili del fuoco preparano una terrazza per le attività

I vigili del fuoco di zona sono intervenuti per creare dei paravento e rendere l'area utilizzabile. Nella struttura non ci sono casi di coronavirus ma molte aree sono state occupate per prepararsi all'emergenza 

Pubblicato il - 31 marzo 2020 - 23:28

CALDARO. L'emergenza coronavirus che si sta vivendo in questi giorni sta impegnando numerose strutture di assistenza a continue riorganizzazioni per riuscire ad affrontare le tante problematiche che ogni giorno nascono. Non mancano però i problemi di spazio.

 

E' il caso di Caldaro dove la casa di riposo del posto si è trovata nella situazione di non aver spazio al suo interno a causa delle tante aree preparate in caso di emergenza Covid-19 e la necessità, quindi, di utilizzare addirittura la terrazza dove possono essere svolte alcune attività.

A dare un supporto per sistemare l'area sono stati i vigili del fuoco di Villa di Mezzo che sono intervenuti per costruire una sorta di paravento per la terrazza in modo tale che l'area potesse essere utilizzata senza rischi.

 

Da qui il lavoro messo in campo questo pomeriggio che, grazie anche ad alcune ditte del posto, sono riusciti in pochissimo tempo a avere tutto il materiale necessario e a costruire delle barriere utili per riparare a terrazza e renderla quindi utilizzabile per le attività della casa di riposo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 05:01

Le incertezze sono enormi e probabilmente tutto resta sul tavolo, un vertice di presidente e assessore per riconoscere l'autonomia decisionale dei territori. L'unico contributo della Provincia è quello di impostare un protocollo sanitario che stabilisca le modalità di organizzazione degli eventi da firmare

23 ottobre - 09:27

Il premier Conte si è dato una settimana o dieci giorni di tempo per decidere. Si dovranno valutare gli effetti delle misure che sono state messe in campo nei giorni scorsi. Si stanno già pensando, però, nuove strette anti covid. Intanto le Regioni sulle chiusure vanno in ordine sparso 

23 ottobre - 08:50

Il governatore ha annunciato l'arrivo di una nuova ordinanza che andrà ad introdurre nuove restrizioni contro gli assembramenti.  A Belluno, intanto, in 24 ore sono state registrati ben 92 nuovi positivi e aumenta di 3 il numero dei decessi  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato