Contenuto sponsorizzato

Maltempo, troppa neve e centri tamponi Covid-19 a rischio. I vigili del fuoco chiamati a intervenire per liberare le coperture

Difficoltà anche nel raggiungere i drive through da parte dei cittadini, così come da medici e infermieri. A Riva del Garda in azione il sistema di Protezione civile per garantire la massima sicurezza e evitare che la pressione causata dalla neve possa portare criticità

Di L.A. - 28 dicembre 2020 - 13:26

TRENTO. I vigili del fuoco sono entrati in azione per sgomberare la neve dalle coperture dei centri tamponi in tutto il Trentino e rendere agibili i diversi drive thorugh in tutto il territorio provinciale.

 

L'intensa nevicata ha, infatti, creato diversi disagi alla circolazione e mandato in difficoltà la raggiungibilità dei diversi punti. 

 

In difficoltà anche medici e infermieri nell'arrivare alle strutture e l'intervento dei mezzi delle amministrazioni pubbliche, così come il tempestivo intervento dei pompieri a livello preventivo che ha permesso di mantenere la situazione sotto controllo.

Gli accumuli di neve sulle coperture delle tensostrutture hanno causato qualche preoccupazione per quanto riguarda la tenuta dei drive through per Covid-19 e quelli per la campagna di vaccinazione anti influenzale

 

Diversi i corpi dei vigili del fuoco che si sono portati sul posto e sono saliti sulle coperture per liberarle dalla neve. In azione anche i tecnici della Protezione civile per le verifiche del caso.

 

Le aree sono presidiate e la situazione viene monitorata anche dal personale dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari.

 

La macchina dei soccorsi è pronta e allertata per intervenire nuovamente e evitare che la pressione esercitata dalla neve possa portare a qualche criticità alle tensostrutture.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato